cerca CERCA
Martedì 26 Settembre 2023
Aggiornato: 20:56
Temi caldi

Microsoft coprirà le spese legali se gli utenti della IA infrangeranno il copyright

08 settembre 2023 | 09.54
LETTURA: 3 minuti

L'azienda ha sottolineato che questa politica è un'estensione dei suoi impegni complessivi nei confronti dei clienti nell'ambito dell'intelligenza artificiale

Microsoft coprirà le spese legali se gli utenti della IA infrangeranno il copyright

Microsoft sta comunicando ai suoi clienti che si assumerà la responsabilità legale nel caso in cui vengano citati in giudizio per violazione del copyright durante l'utilizzo dei servizi AI Copilot dell'azienda. In un articolo sul blog aziendale riguardante l'iniziativa chiamata "Impegno sul Copyright del Copilot", il Chief Legal Officer di Microsoft, Brad Smith, ha dichiarato che l'azienda si farà carico di potenziali rischi legali qualora l'utilizzo dei suoi sistemi basati su intelligenza artificiale dovessero comportare problemi con la legge agli utenti. Microsoft ha sottolineato che questa politica è una naturale estensione dei suoi impegni complessivi nei confronti dei clienti nell'ambito dell'IA, annunciati all'inizio dell'anno. La decisione di Microsoft di adottare questa posizione è basata su tre motivi principali: il desiderio di sostenere i clienti nell'uso dei suoi servizi, la comprensione delle preoccupazioni dei detentori dei diritti d'autore e l'implementazione di misure di sicurezza per evitare che i risultati generati infrangano il copyright.

Brad Smith ha affermato: "Se un terzo intenta una causa contro un cliente commerciale per violazione del copyright nell'utilizzo dei Copilot di Microsoft o dell'output da essi generato, ci faremo carico della difesa del cliente e copriremo l'importo di eventuali sentenze sfavorevoli o accordi transattivi derivanti dalla causa, a condizione che il cliente abbia utilizzato le misure di sicurezza e i filtri di contenuto". Smith ha evidenziato che una delle ragioni per questa iniziativa è quella di gestire l'incertezza nella legislazione sul copyright senza scoraggiare le persone dall'uso dei servizi di intelligenza artificiale generativa. "È fondamentale che gli autori conservino il controllo dei loro diritti in base alla legge sul copyright e ottengano un adeguato compenso per le loro creazioni", ha scritto Smith. Tuttavia, ha aggiunto che "è importante garantire che i contenuti necessari per addestrare e alimentare i modelli di intelligenza artificiale non siano bloccati nelle mani di poche aziende, in modo da non ostacolare la concorrenza e l'innovazione". Alcune aziende hanno proposto l'idea di concessioni di licenza e autorizzazioni volontarie come soluzione per consentire ai progetti di intelligenza artificiale di accedere ai dati senza violare i diritti di proprietà intellettuale.

Microsoft ha lanciato una serie di servizi di intelligenza artificiale generativa sotto l'etichetta Copilot, che sono stati successivamente integrati in numerosi prodotti Microsoft. A partire da GitHub Copilot nel giugno 2022, che consente alle persone di scrivere codice, Copilot è ora presente in Windows 11, nel browser Edge, Teams, Outlook e in altre app di Microsoft. La politica del Copilot Copyright Commitment di Microsoft copre servizi come Bing Chat Enterprise, ma, come evidenziato nell'articolo sul blog, gli utenti non commerciali dei servizi basati sull'IA come il gratuito Bing non potranno beneficiare della stessa difesa legale offerta ai clienti commerciali. Attualmente, Microsoft, GitHub e OpenAI sono oggetto di una causa legale che afferma che Copilot rigenera codice con licenza senza dare il dovuto credito agli autori. Inoltre, autori e artisti visivi hanno intentato cause sostenendo che le aziende di intelligenza artificiale abbiano illegalmente utilizzato le loro opere per addestrare modelli di intelligenza artificiale generativa.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza