cerca CERCA
Lunedì 08 Marzo 2021
Aggiornato: 19:40
Temi caldi

Coronavirus, Tomei (Assocarni): "Prevediamo calo dei consumi alimentari"

14 maggio 2020 | 15.47
LETTURA: 3 minuti

alternate text
François Tomei, direttore Assocarni
Roma, 14 mag. (Adnkronos/Labitalia)

"Nessuno di noi può sapere cosa accadrà, ma una cosa è certa: questo lockdown ha generato non solo un blocco immediato delle attività per molti settori produttivi, ma genererà problemi anche nei prossimi mesi, per esempio l’export. Noi prevediamo, purtroppo, un calo dei consumi alimentari, sia domestici sia del food service in generale, perché probabilmente le persone tenderanno a recarsi meno al ristorante e, inoltre, il differenziale temporale che oggi c’è con gli altri Paesi e le altre economie, che lentamente riapriranno i loro canali Horeca, comporterà dei danni molto importanti". Ad affermarlo François Tomei, direttore Assocarni, intervenuto al webinar 'La filiera agroalimentare ai tempi del coronavirus: prospettive future a seguito dell’emergenza' organizzato da Msd Animal Health.

Cosa ci ha insegnato tutto questo? "Ci insegna - risponde - che produrre alimenti e, in particolare, prodotti di origine animale è molto importante. Lo abbiamo visto in questo periodo difficile, in cui abbiamo, però, sempre potuto contare sull’alimento sempre disponibile. Questo non è scontato e ci deve far capire quanto sia importante che ci sia una sorta di autoapprovvigionamento al di sotto del quale non si deve mai scendere. Bisogna capire che chi produce alimenti, chi lavora nell’agricoltura, chi alleva animali deve essere rispettato perché dà un contributo fondamentale alla nostra società".

La filiera della carne bovina, infatti, non si è mai fermata in queste settimane complesse, dando prova di una rodata organizzazione. "L’impatto - avverte - è stato molto pesante: in una fase iniziale c’è stata una sovrapproduzione per soddisfare un picco di richiesta della popolazione. Non è stato facile per i nostri lavoratori e le nostre imprese continuare a lavorare mentre tutto il Paese era completamente fermo: abbiamo avvertito subito una grossa responsabilità".

"Per fortuna il nostro settore, che lavora da sempre con rigidissime norme igienico-sanitarie, ed è quindi abituato a mascherine, tute e a seguire misure estremamente restrittive, è riuscito facilmente ad adattarsi alla situazione", dice Tomei sottolineando che "ha sicuramente avuto un impatto emotivo il fatto di essere in 'trincea' sin dall’inizio, ma siamo riusciti a tenere sotto controllo la malattia anche in seno agli stabilimenti, perché il nostro settore ha dimostrato che le rigide norme esistenti sono state in grado di proteggere i nostri lavoratori".

"Tuttavia, la chiusura del canale Horeca, e quindi di tutto il mondo del Food Service, ha impattato enormemente il nostro settore. Ci sono aziende vocate al 100% a questo ambito e che adesso sono in grandi difficoltà e altre aziende che comunque hanno un 30-40% del loro business dedicato alla ristorazione, agli alberghi, alle mense scolastiche e ospedaliere e che sono quindi in grande difficoltà", avverte.

"Tutto ciò ha impattato enormemente e oggi, dopo più di due mesi di blocco del canale Horeca, stiamo vedendo i danni di questa crisi molto grave. Auspichiamo, quindi, una ripresa delle attività di tutto questo mondo, collegato anche al turismo, che deve assolutamente rimettersi in moto, con tutte le cautele necessarie. Molti ristoratori si lamentano di dover trasformare i loro locali in cliniche per poter riaprire, adottando quindi le nuove norme igienico-sanitarie. Questo naturalmente è necessario ma, essendo i ristoranti luoghi di ritrovo e convivialità, auspichiamo che, con la dovuta cautela, si possa tornare presto alla normalità", conclude.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza