cerca CERCA
Sabato 02 Luglio 2022
Aggiornato: 19:09
Temi caldi

Toscana: Simoncini, botteghe artigiane a tutela patrimonio storico

17 marzo 2015 | 10.11
LETTURA: 3 minuti

Consegnati i diplomi a 11 maestri artigiani, che hanno ottenuto la qualifica nell'area di Pisa.

alternate text

"Un sistema formativo, basato sull'insegnamento, nelle botteghe consente non solo di valorizzare e tutelare il patrimonio culturale e produttivo che l'artigianato artistico rappresenta, ma costituisce anche un'importante opportunità per i giovani di apprendere un mestiere ed entrare nel mondo del lavoro. E' per questo che sono felice di consegnare i diplomi di maestro artigiano a coloro che, con mani esperte, potranno tramandare il saper fare frutto di una cultura e di tradizioni che hanno contribuito a diffondere la qualità toscana nel mondo". A dirlo l'assessore alle Attività produttive della Regione Toscana, Gianfranco Simoncini, ieri a Pisa alla consegna dei diplomi a 11 maestri artigiani, che hanno ottenuto la qualifica nell'area di Pisa.

L'assessore ricorda che "sono due gli strumenti messi in campo dalla Regione per formare le nuove generazioni di artigiani, rilanciare l'occupazione nel settore, nello stesso tempo, trasmettere conoscenze e saperi degli antichi mestieri, scongiurandone così, in molti casi, la scomparsa".

Il primo strumento è la 'Bottega scuola', impresa artigiana che svolge il ruolo di una vera e propria agenzia formativa accreditata e diretta da un maestro artigiano la cui professionalità è ufficialmente riconosciuta. Formare le nuove generazioni, trasmettendo le conoscenze e il saper fare degli antichi mestieri, al fine di preservarli e fornire ai giovani nuove e importanti opportunità lavorative, questo l'obiettivo della Bottega scuola.

L'altro strumento è quello dei tirocini retribuiti presso l'impresa artigiana, una misura che si inserisce nell'ambito del progetto Giovanisì. Nel dicembre 2014 la Regione ha siglato un accordo con Cna Toscana e Confartigianato Imprese Toscana, per l'incentivazione di tirocini retribuiti (a carico dell'impresa) e favorire l'inserimento dei giovani nelle botteghe dei settori dell'artigianato artistico e tradizionale.

"Tutto questo -prosegue Simoncini - si inserisce nel contesto delle iniziative a favore del settore dell'artigianato artistico, il cui ruolo è centrale anche nel dinamismo che fa volare l'export toscano. Le piccole e piccolissime imprese artigiane -fa notare- possono contare già oggi su una serie di misure a sostegno della loro competitività e la stragrande maggioranza della programmazione 2014-20 del Fesr, oltre il 70%; circa 560 milioni in sette anni, sarà declinata a favore delle imprese di cui l'80% alle pmi".

Proprio per lanciare il nuovo bando sui tirocini in bottega, è prevista, per il 31 marzo, un'iniziativa curata con Artex, in collaborazione con Cna e Confartigianato. L'evento è alle ore 14, presso Impact Hub in via Fantoni 8, a Firenze, e prevede, oltre alla presentazione delle diverse opportunità messe in campo dalla Regione, un momento di incontro tra le imprese che intendono attivare un tirocinio e i giovani interessati ad apprendere un mestiere d'arte.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza