cerca CERCA
Martedì 19 Ottobre 2021
Aggiornato: 02:33
Temi caldi

"Trenitalia, firmato contratto Intercity: 6mila posti in più al giorno

19 gennaio 2017 | 14.17
LETTURA: 3 minuti

alternate text
Barbara Morgante e Graziano Delrio

Firmato il nuovo contratto di servizio Intercity: avrà una durata decennale, contro i 5 anni in precedenza, con decorrenza dal primo gennaio 2017 e scadenza il 31 dicembre 2026. Il nuovo contratto definito dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, dal ministro dell'Economia con Trenitalia, ha impedito il possibile taglio del 40% dei servizi esistenti e anzi prevederà un incremento del 7% dell'offerta rispetto al precedente contratto.

Con questo nuovo contratto, spiega l'ad di Trenitalia, Barbara Morgante, "si apre una nuova era e una nuova stagione per l'Intercity. Molto lavoro è stato fatto finora ma tantissimo ci sarà ancora. Speriamo di non deludere nessuno".Trenitalia punta infatti ad un miglioramento della qualità del servizio oltre che ad un incremento dell'offerta. "Ci saranno 6.000 posti in più al giorno", sottolinea ancora Morgante. Oltre a salvaguardare l'offerta attuale degli Intercity, che ogni anno trasportano circa 12 milioni di passeggeri, il Contratto punta a migliorare attrattività, qualità ed efficacia del servizio. E' previsto, in particolare, un progressivo rinnovo dell'intera flotta con treni più moderni, performanti e confortevoli.

E in vista per gli Intercity non ci saranno nuovi aumenti. "Non sono previsti a breve. E' stato effettuato un aumento intorno al 4% lo scorso ottobre", sottolinea ancora Morgante nel corso della conferenza stampa di presentazione del nuovo contratto con il ministro dei Trasporti, Graziano Delrio a Termini.

L'Intercity "era la Cenerentola del servizio pubblico , era stato dimenticato e rischiava di perdere più del 40% dei treni mentre sono più di 12 milioni gli italiani che viaggiano con questo servizio", sottolinea Delrio. Con questo nuovo contratto di servizio Intercity invece, aggiunge, "li potenziamo. Mettiamo 100 milioni in più ogni anno per 10 anni, il che vuol dire carozze nuove, servizi a bordo, pulizia. E vuol dire potenziare nuove tratte, nuovi collegamenti nelle zone più deboli del Paese". Lo Stato, sottolinea ancora il ministro, "vuole investire sul servizio pubblico, non solo su quello regionale, non solo sulle Frecce ma anche sul servizio Intercity perché riguarda tantissime persone che avranno a prezzi calmierati servizi nettamente migliori".

Il ministro ricorda inoltre "che erano due anni che il contratto veniva prorogato senza avere un programma di lunga scadenza. Rischiavamo di avere un taglio drammatico del 40% di questo servizio. Era un po' un figlio di nessuno. Ora cerchiamo di dargli dignità e un servizio serio. Con questo nuovo contratto di servizio abbiamo voluto dare certezza di servizio alla fasce più deboli della popolazione". Questo nuovo contratto, sottolinea Delrio, "prevede penali applicabili in caso di impegni non rispettati ma anche meccanismi premianti".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza