cerca CERCA
Domenica 28 Novembre 2021
Aggiornato: 14:50
Temi caldi

Riaperto scalo Ciampino

07 febbraio 2019 | 14.42
LETTURA: 2 minuti

alternate text

È stato riaperto l’aeroporto di Ciampino, chiuso in precedenza a causa del ritrovamento di ordigni bellici della seconda guerra mondiale emersi durante i lavori di manutenzione dei piazzali di sosta degli aeromobili (VIDEO). Lo comunica Adr in una nota in cui si sottolinea che gli artificieri hanno infatti completato le operazioni di rimozione dei residuati bellici, in completa sicurezza. I passeggeri presenti nello scalo, continua la nota, "sono stati costantemente informati e assistiti dal personale di Aeroporti di Roma, che ha anche fornito generi di conforto e acqua durante l’attesa". L’operatività dell’aeroporto si è dunque regolarmente riavviata.

Le operazioni per la neutralizzazione dei tre ordigni si sono concluse. I residuati bellici, di fabbricazione tedesca, dal peso di 50 kg per un totale di 75 kg di esplosivo, sono stati fatti brillare alle 18.28 dagli specialisti dell'Esercito in una cava di Santa Maria delle Mole.

L'intervento degli artificieri dell'Esercito all'aeroporto di Ciampino per la rimozione dei tre residuati bellici è solo l'ultimo anello di una lunga catena di impegni che vedono gli specialisti della forza armata costantemente in azione su tutto il territorio nazionale. Lo scorso anno i nuclei artificieri dei reparti del genio dell'Esercito italiano hanno eseguito oltre 2.000 interventi specialistici per la bonifica di ordigni esplosivi e residuati bellici (per un totale di oltre 4.500 ordigni disinnescati). Negli ultimi dieci anni l'Esercito ha svolto oltre 35.000 interventi di bonifica su tutto il territorio nazionale.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza