cerca CERCA
Lunedì 04 Luglio 2022
Aggiornato: 19:30
Temi caldi

Ucraina, Salvini replica a Di Maio: "Ha poco da offendersi"

21 maggio 2022 | 12.07
LETTURA: 2 minuti

Il leader leghista: "Ucraina deciderà cosa accettare. Governo? Preoccupato, Pd e M5S lo mettono a rischio"

alternate text
Afp

Il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, "ha poco da offendersi. Quando il capo della diplomazia dà dell’animale a una delle parti in conflitto è un atteggiamento poco diplomatico. C’è qualcuno che ha aggredito e qualcuno che è stato aggredito e deve essere chiaro. Ma se vogliamo portare intorno al tavolo Ucraina e Russia, come chiede il Santo Padre, dobbiamo fare tutti gli sforzi possibili". Lo ha detto il segretario della Lega, Matteo Salvini, dopo un’intervista in cui Di Maio ha definito Salvini un "provocatore". "Noi ci siamo e io personalmente mi sto spendendo e mi spenderò, se serve anche muovendomi dall’Italia nei prossimi giorni".

Leggi anche

"L’Ucraina deciderà che cosa accettare, chi sono io per imporre all’Ucraina cosa accettare e cosa non accettare?", ha poi detto Salvini dopo le parole del presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi, sulla necessità che l’Ucraina accetti le richieste della Russia. "Il mio obiettivo è mettere attorno a un tavolo le due parti e poi decideranno loro. L’Ucraina deciderà per suo conto, senza influenze esterne, non sono io o qualcun’altro che può dire a loro che cosa fare". Per Salvini "il dramma è che stiamo parlando di una trattativa che non c’è e di richieste che non ci sono. Il mio obiettivo è creare questo momento di confronto, può essere a Istanbul, a Roma, Pechino, su una nave, anche perché io non so che cosa abbia Zelensky da chiedere o che cosa Putin abbia da chiedere. L’obiettivo è mettere tutti attorno a un tavolo, anche se ho l’impressione invece che qualcuno abbia voglia e convenienza che la guerra vada avanti per mesi. L’interesse dell’Italia è invece esattamente opposto", ha aggiunto.

Salvini si dice poi "preoccupato per la vita del governo per due cose: una è il no dei Cinque Stelle ai termovalorizzatori a Roma e in Liguria. Pensare di mettere a rischio il governo e farlo cadere lasciando l’immondizia per strada è qualcosa di assolutamente privo di senso. Lo stesso Pd con l’ingorgo dei lavori parlamentari che insiste sul Ddl Zan e la riforma della legge elettorale".

"Mi sembra che se c’è qualcuno che mette a rischio il buon lavoro della maggioranza di governo è il Pd con il Ddl Zan e la legge elettorale e i Cinque Stelle con i loro assurdi no ai termovalorizzatori", ha aggiunto.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza