cerca CERCA
Martedì 26 Ottobre 2021
Aggiornato: 20:04
Temi caldi

Formazione: un master per manager delle Risorse Artistiche

29 settembre 2014 | 18.23
LETTURA: 3 minuti

Collaborazione tra Fondazione Roma e Università Iulm.

alternate text

Sono aperte fino al 9 gennaio 2015 le iscrizioni per la V edizione del Master in Management delle risorse artistiche e culturali (MaRac), nato dalla collaborazione tra la Fondazione Roma e l’Università Iulm. Rivolto ai laureati italiani in possesso di una laurea triennale del nuovo ordinamento o di una laurea conseguita secondo il vecchio ordinamento didattico, nonché a laureati stranieri purché in possesso di un titolo di studio equiparato a quello italiano, il Master si pone un obiettivo formativo ben preciso: creare professionisti qualificati nell’ambito della gestione delle risorse artistiche e culturali, figure manageriali in grado di collegare il mondo dell’impresa con quello della cultura e dell’arte.

Nel corso delle prime quattro edizioni, il Master ha visto aumentare progressivamente le preiscrizioni: dai 41 preiscritti del 2010/ 2011, si è passati infatti agli 84 nel 2013/2014.

I dati del placement confermano il trend positivo: a meno di 6 mesi dal conseguimento del diploma, il 72% dei partecipanti alla terza edizione del Master ha già trovato un posizionamento nel mercato del lavoro, un ruolo professionale in piena sintonia con il percorso di studio effettuato: dai teatri alle case d’asta, dalle associazioni culturali agli enti pubblici e privati che operano nel campo della promozione culturale, dalle gallerie d’arte alle aziende che si occupano di progettazione e promozione di mostre ed eventi culturali.

Il Master, grazie a percorsi di studio interdisciplinari e a un corpo docente altamente qualificato, fornisce le competenze necessarie a lavorare nei settori legati alla gestione delle risorse artistiche e culturali. Un particolare approfondimento è dedicato al mondo artistico e museale, con corsi e seminari dedicati ai temi della curatela, della direzione e gestione di uno spazio espositivo e dei servizi connessi alle attività museali.

E proprio per mettere alla prova quanto appreso in aula, entro la fine del Master, agli studenti viene messo a disposizione un budget per organizzare un evento culturale. Agli studenti viene inoltre offerta la possibilità di effettuare esercitazioni, laboratori, simulazioni e stage presso importanti istituzioni ed aziende nazionali e internazionali.

Ma ciò che rende il Master MaRac un’opportunità unica sono le 30 borse di studio, di cui 20 a copertura totale (ciascuna del valore di 3.500 euro) e 10 a copertura parziale (ciascuna del valore di 2.500 euro) dei costi di iscrizione, che la Fondazione Roma mette a disposizione degli studenti più meritevoli, selezionati da un’apposita commissione di valutazione Fondazione Roma-Iulm.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza