cerca CERCA
Giovedì 26 Maggio 2022
Aggiornato: 10:09
Temi caldi

Buena Vista

Sempre più voglia di Cuba

08 settembre 2015 | 12.27
LETTURA: 4 minuti

alternate text
La spiagggia di Varadero - INFOPHOTO

Dopo la pacificazione con gli Usa, Cuba è la destinazione del momento, dove gli echi della rivoluzione castrista si coniugano con i grandi cambiamenti dovuti all'apertura all'Occidente. Un’isola splendida, caratterizzata da spiagge da sogno e chiese barocche, da colorati e tipici centri storici e natura ancora incontaminata e selvaggia. Sulla cresta dell’onda ormai da tempo, non solo perché a settembre vi è atteso il Papa, e forse poi anche Obama, l’isola caraibica è sotto i riflettori per la pace ormai sancita con gli Stati Uniti e per le più ampie aperture all’economia di mercato e all’Occidente. Ma il Paese della rivoluzione del Che conserva un’anima antica che a un visitatore europeo appare con un fascino vintage. Un paese assolutamente originale, tanto da non essere in pochi quelli che sempre più spesso decidono di intraprendere un viaggio nella Cuba pre-rivoluzionaria, sulle orme del Che Guevara e di Fidel Castro.

L’itinerario comincia a L’Avana per concludersi a Santiago de Cuba, dove sbarcarono i castristi dando inizio alla rivoluzione del 1959. Il viaggio si snoda tra la Valle de Viñales e la Penisola di Zapata, conosciuta storicamente come la “Baia dei Porci”. Si prosegue quindi verso Cienfüegos e Santa Clara, la città simbolo di Che Guevara. Qui è infatti possibile visitare la sua statua, il museo-memoriale e il monumento al “Tren Blindado”.

I più fortunati, che hanno a disposizione qualche giorno in più per il viaggio, non potranno perdersi l’Oriente cubano e in particolare la visita alla città di Santiago: si tratta infatti, dopo L’Avana, della città più importante del Paese ed è l’unica che possa fregiarsi del titolo ufficiale di “Città eroe della Repubblica di Cuba”, ma anche della fama di “Città ribelle” e “Città culla della Rivoluzione”. Nell’Oriente cubano, in generale la storia si intreccia con una natura ancora selvaggia: si va dal Parco del Granma alla casa di Fidel, nello storico borgo di Biran, con la possibilità di vivere emozioni uniche, come un’escursione guidata alla catena montuosa della Sierra Maestra e l’entrata a una Casa de la Trova, dove tra i sigari, il mojito fatto come Hemingway comanda e soprattutto un eccezionale intrattenimento musicale, si possono vivere le atmosfere del Buena Vista Social Club.

Non dimentichiamo infine le spiagge da sogno. Il relax si abbina alla storia nell’indimenticabile meraviglioso mare cubano, in uno dei Cayos di Cuba, come Cayo Santa Maria, Cayo Guillermo, Cayo Coco o Gardalavaca, tra sabbie bianche e mare cristallino. Raggiungibili col mezzo che più si preferisce sono inoltre meta privilegiata del nuovo tour di MSC Crociere per la stagione invernale 2015/2016.

La prima crociera partirà da L’Avana il 22 dicembre 2015, al termine del Grand Voyage che prenderà il via da Genova il 2 dicembre alla volta di Cuba. Per le escursioni e i servizi a terra la compagnia ha scelto come partner Cubanacan, il gruppo con sede a Cuba creato più di 20 anni fa, noto per i suoi professionisti esperti e per l’elevata qualità dei servizi offerti.

Durante la sosta di due giorni e mezzo a L’Avana, gli ospiti della crociera potranno esplorare la città vecchia che fu tanto cara a Ernest Hemingway, luogo dichiarato patrimonio dell’umanità dall’Unesco, per scoprirne la storia, la cultura e l’architettura. Nessuna visita dell’Avana risulterebbe completa senza una passeggiata sul famoso lungomare Malecòn, dove poter godere del rinomato stile di vita rilassato dell’isola.

Le crociere a Cuba di Msc sono già disponibili attraverso tutti i canali di vendita

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza