cerca CERCA
Venerdì 17 Settembre 2021
Aggiornato: 15:25
Temi caldi

Covid Italia oggi

Vaccini Lazio, "stop senza nuove dosi in 24 ore"

01 aprile 2021 | 10.22
LETTURA: 4 minuti

Regione in attesa di 122mila vaccini AstraZeneca. Ritardi anche in Toscana, prenotazioni rinviate. Stop in Veneto

alternate text
Fotogramma /Ipa

Vaccini nel Lazio a rischio sospensione se entro un giorno non saranno inviate nuove dosi alla Regione. A dirlo è l'assessore regionale alla Salute, Alessio D'Amato. "Se nelle prossime 24 ore non arrivano i 122 mila vaccini di AstraZeneca previsti siamo costretti nostro malgrado a sospendere le vaccinazioni. Mi auguro - spiega l'assessore - che tale sospensione venga scongiurata. Abbiamo messo in esercizio una macchina imponente che non deve fermarsi. Da ieri notte abbiamo aperto le prenotazioni anche per l’età 66 e 67 e sono già oltre 36 mila i prenotati. Abbiamo un milione di prenotazioni da qui a maggio. Servono i vaccini!", dice.

Leggi anche

L'arrivo delle dosi del vaccino AstraZeneca "non sarà domani ma sabato e questo mi preoccupa un po'. Non dipende da Figliuolo ma dalle case farmaceutiche", ha poi affermato l'assessore alla Sanità, ospite di 'Un giorno da pecora' su Rai Radio1. Ma se non avrete dosi di vaccino fino a sabato, domani sarà sospesa la vaccinazione con AstraZeneca? "Stiamo facendo verifiche approfondite", ha risposto D'Amato.

E ancora: "Siamo in attesa di queste preziose 122mila dosi di AstraZeneca che dovevano arrivare e che non sono arrivate. Queste dosi fanno il giro delle Fiandre: vengono infialate in tutta Europa e qui vicino da noi, ad Anagni, però invece che arrivare subito nel nostro paese vanno prima ad Anversa. Tutto questo circolo dura almeno 5 giorni". Alla domanda se che questo 'iter' sia necessario, l'assessore ha risposto: "Non lo so, so che l'Europa ha chiuso un accordo col vettore, che fa partire le dosi da li". Sulla possibilità che le dosi che escono da Anagni potrebbero arrivare direttamente senza passare per Anversa? "Lunedì erano qui, quindi ce le potevano anche dare, a noi e al resto del paese. Mi sembra ci sia troppa burocrazia intorno a questa cosa", ha precisato D'Amato.

Nel Lazio da oggi prenotazioni aperte per fascia 67-66anni

Da oggi, 1° aprile, nel Lazio, sono intanto aperte le prenotazioni del vaccino anti covid per gli anni 67-66 (i nati nel 1954 e 1955), mentre dal 27 marzo scorso - presso l'hub di Fiumicino - è partito il turno di vaccinazioni fino a mezzanotte. Nei giorni scorsi, dopo l'accelerazione di Campania e Sicilia sul vaccino russo Sputnik, anche il governatore del Lazio Nicola Zingaretti era intervenuto sul tema: "Secondo me - aveva spiegato - non c'è bisogno di andare avanti da soli, il governo ha detto che si aspetta l'autorizzazione dell'Ema, dunque dell'Aifa, per procedere con l'acquisto. Io però ribadisco che Ema dovrebbe correre su queste verifiche e autorizzazioni. Rispetto alla valutazione, quale essa sia, dovrebbe avere tempi meno biblici, anche in questo caso".

Toscana rinvia prenotazioni

Per mancanza di vaccini, la Toscana rinvia intanto le prenotazioni. "A causa del ritardo della fornitura di AstraZeneca le prenotazioni per domani 1 aprile vengono spostate a mercoledì 7 aprile mantenendo lo stesso orario e lo stesso punto vaccinale indicati. Le persone che hanno prenotato per domani hanno ricevuto un sms che comunica la nuova data e le informazioni. Qualora la persona volesse prenotare in altra data e orario, dovrà cancellare in autonomia l’appuntamento tramite il portale e provvedere a una nuova prenotazione all’apertura del portale". Così ieri su Facebook il governatore della Toscana, Eugenio Giani.

Veneto, vaccinazioni sospese

Il Veneto ha già sospeso ieri la somministrazione dei vaccini anti Covid, salvo alcuni richiami. “Noi che al momento siamo primi per vaccinazioni, ne facciamo 35 mila al giorno - ha spiegato il governatore Luca Zaia -, annunciamo che sospendiamo le vaccinazioni, a parte qualche richiamo. I vaccini non sono arrivati, quindi la macchina perfetta che abbiamo messo in piedi con modelli di accesso rapido, diretto, senza prenotazione in questo momento non riusciamo a garantirla, perché non abbiamo la materia prima. Ieri ci sono arrivati 83 mila dosi di Pfizer, considerando che facciamo 35mila vaccini al giorno, è chiaro che in un paio di giorni li esauriamo", ha detto Zaia durante War Room, il format web di Enrico Cisnetto dove era ospite con Stefano Bonaccini.

500mila dosi di vaccini Moderna in distribuzione, domani oltre 1,3 milioni di dosi AstraZeneca

Inizierà intanto nella giornata di oggi la distribuzione alle Regioni delle 500 mila dosi di vaccino Moderna arrivate nella tarda serata di ieri all'aeroporto di Roma Fiumicino, prima di essere trasferite all’hub nazionale vaccini della Difesa a Pratica di Mare, da dove partiranno le consegne ai punti vaccinali. Lo comunica la struttura del commissario all'emergenza Covid generale Francesco Paolo Figliuolo. Si tratta del lotto numericamente più consistente finora arrivato da Moderna, che porta il totale del 1° trimestre del 2021 a circa 1,3 milioni di dosi complessive di questo tipo di vaccino. Supera intanto quota 10 milioni il numero di dosi complessivamente somministrate a livello nazionale attraverso 2.030 punti vaccinali in tutta Italia.

“Ieri sera sono arrivate 501.600 dosi di vaccino Moderna che il Comando Operativo di vertice Interforze (COI) sta già confezionando e distribuendo in queste ore. Stasera invece arriveranno oltre 1.346.400 dosi di AstraZeneca che saranno confezionate domani nel corso della giornata e verranno spedite dal tardo pomeriggio. Il cambio di passo c’è e si vede, per Pasqua ci saranno oltre 2 milioni di dosi a disposizione. Ce la stiamo mettendo tutta sia per quel che concerne la logistica che la distribuzione e la somministrazione anche attraverso il dislocamento sul territorio nazionale dei centri vaccinali mobili della Difesa in grado di raggiungere le zone più remote del Paese”. Così Giorgio Mulè, sottosegretario alla Difesa, intervenendo alla trasmissione Agorà su Rai3.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza