cerca CERCA
Martedì 05 Luglio 2022
Aggiornato: 12:47
Temi caldi

Vaiolo delle scimmie, "malattia meno grave di una varicella"

21 maggio 2022 | 12.12
LETTURA: 2 minuti

All'Adnkronos Salute l'epidemiologo Donato Greco, oggi consulente Oms

alternate text
(Afp)

"Nell'uomo il vaiolo delle scimmie si risolve da solo in poche settimane ed è, come gravità, anche inferiore a una varicella". La rassicurazione arriva dall'epidemiologo Donato Greco, per 30 anni a capo del Laboratorio di Epidemiologia dell'Istituto superiore di sanità, poi direttore generale della Prevenzione al ministero della Salute, oggi consulente Oms ed ex componente del Cts nell'emergenza Covid. "Anzi la varicella comporta una estensione delle vescicole su tutto il corpo e dà febbre elevata, mentre il vaiolo delle scimmie è quasi sempre molto localizzato, nei casi di cui parliamo in questi giorni a trasmissione sessuale le pustole sono limitate alla zona dei genitali senza febbre alta".

Leggi anche

Greco, tra i massimi esperti di emergenze sanitarie degli ultimi 50 anni - sentito dall'Adnkronos Salute - ricorda di aver partecipato, proprio alla fine degli anni '80, in Congo a un'indagine sul campo relativa a un'epidemia di vaiolo delle scimmie.

"E' solo fantascienza mediatica quella di chi prevede migliaia e migliaia di casi di vaiolo delle scimmie" dice Greco, ridimensionando "allarmismi e panico ingiustificato". E sostiene che in questa circostanza bisogna solo fare "una sorveglianza attiva molto approfondita con immediato isolamento del virus e soprattutto caratterizzazione genomica degli isolati virali". Perché, osserva, "dopo la pandemia qualsiasi allarme infettivo giustamente va preso sul serio e serve attenzione, visto che prima del Covid molto era stato trascurato, ma che ci sia panico da parte della popolazione e previsioni di un'epidemia con migliaia e migliaia di casi non è scienza ma fantascienza".

Greco - che in passato partecipò in Congo a un'indagine sul campo relativa proprio a focolai di vaiolo delle scimmie, oltre a occuparsi dell'ultima fase dei programmi di eradicazione del vaiolo e a quelli post eradicazione - spiega dal punto di vista scientifico le caratteristiche di questi virus. "I Poxvirus sono in tutti gli animali, abbiamo il vaiolo dei polli, delle scimmie, delle mucche, e la trasmissione all'uomo non è esclusa per quasi nessuno di questi, ma la trasmissione del vaiolo delle scimmie, nota dagli anni '70, di fatto non è mai stata epidemica né tanto meno pandemica", scandisce.

Non solo. "Oggi le prime nozioni sul genoma del virus indicano che è molto stabile, ed è proprio grazie a questa stabilità che il vaiolo è stato eradicato. Si tratta infatti di un virus a Dna a doppia elica, il che comporta la sua stabilità strutturale, quindi molto meno soggetto a fare varianti, a differenza dei virus respiratori che sono a Rna a unica elica, molto variabili. Questo dunque - spiega - è un motivo di rassicurazione".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza