cerca CERCA
Venerdì 25 Giugno 2021
Aggiornato: 03:41
Temi caldi

Voragine Napoli, geologo: "Allarme lanciato un anno fa"

08 gennaio 2021 | 11.54
LETTURA: 1 minuti

alternate text

E' del gennaio del 2020 l'allarme lanciato dai geologi sul rischio voragini in Italia, durante il convegno dedicato a voragini e cavità sotterranee organizzato da Ispra, Sigea e Società geografica Italiana. In quell'occasione, dopo Roma risultava essere Napoli la città più a rischio, "un dato che confermiamo oggi, ma un anno da quel convegno nulla è stato fatto. Esistono delle mappature che individuano le aree a maggior rischio sprofondamento ma non essendo stato fatto nulla non posso far altro che confermare questa problematica". Così all'AdnKronos Gaetano Sammartino, geologo e presidente della sezione Campania della Società Italiana Geologia Ambientale, sulla voragine che si è aperta all'alba nel parcheggio interno dell'Ospedale del mare di Ponticelli.

Mappature che "restano sulla carta - aggiunge il geologo campano - come gran parte delle conoscenze che acquisiamo: si sa ma non si interviene, vuoi per mancanza di fondi vuoi per mancanza di organizzazione da parte degli amministratori che non sono molto sensibili a intervenire. Un punto doloso di cui ci ricordiamo purtroppo solo quando avvengono questi eventi e quando tutto si calma non se ne parla più".

Più volte è stato lanciato l'appello alle amministrazioni a inserire la figura del geologo nella propria compagine, un appello "rimasto sempre lettera morta. Io ho sempre parlato di 'geologo condotto', ma non ho mai raccolto alcun interesse e invece ritengo importantissimo anzi fondamentale avere questa figura. Un geologo che riesce a capire e prevenire gli eventi sarebbe di fondamentale importanza per la sicurezza e la pubblica e privata incolumità", conclude.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza