cerca CERCA
Lunedì 22 Luglio 2024
Aggiornato: 21:28
10 ultim'ora BREAKING NEWS

Il finanziere Epstein suicida in carcere

Era detenuto a New York, contro di lui accuse per molestie su minori. Indaga Fbi

(Fotogramma/Ipa)
(Fotogramma/Ipa)
10 agosto 2019 | 15.41
LETTURA: 3 minuti

Jeffrey Epstein si è tolto la vita in cella. Il finanziere americano era stato arrestato lo scorso 6 luglio con l'accusa di traffico di minorenni e abusi nelle sue ville dell'Upper East Side, a New York, e in quella di Palm Beach, in Florida. Epstein si è ucciso nel Metropolitan Correctional Center di Manhattan, a New York, in cui era detenuto. Lo rende noto la Abc citando fonti secondo cui la morte è avvenuta nella notte. Già tre settimane fa aveva provato a togliersi la vita. Dallo scorso 23 luglio era sorvegliato proprio perché evitasse nuovi tentativi di suicidio.

Epstein, 66 anni, si era dichiarato innocente. Rischiava una condanna fino a 45 anni di carcere. Nel 2007 aveva raggiunto per reati simili un controverso accordo di patteggiamento con l'Attorney general di Miami, allora Alexander Acosta che gli aveva risparmiato incriminazioni federali. Acosta era stato costretto a dimettersi dalla carica di segretario del lavoro.

Il procuratore generale degli Stati Uniti, William Barr, ha annunciato l'apertura di un'indagine sulle circostanze della morte del magnate. Il Federal Bureau of Investigation, l'Fbi, ha già annunciato che avvierà un'indagine. "Sono sconvolto nel sapere che Jeffrey Epstein è stato trovato stamattina in un apparente suicidio. La sua morte apre serie domande a cui bisogna rispondere. Insieme all'indagine dell'Fbi, ho incaricato l'ispettore generale di aprire le proprie indagini sull'evento", ha detto Barr in una dichiarazione.

Arrestato lo scorso 6 luglio con l'accusa di traffico e sfruttamento sessuale su minori, Epstein, è stato trovato "incosciente" verso le 6:30 del mattino nella sua cella. Secondo l'Ufficio federale delle carceri, "ha ricevuto un primo soccorso ed è stato portato in ambulanza in ospedale, dove è stato dichiarato morto".

Infuriano, intanto, le polemiche per la sua morte. Per il sindaco di New York e aspirante candidato democratico alla Casa Bianca, Bill De Blasio "è fin troppo conveniente" il fatto che Epstein non possa più coinvolgere altre persone. "Quello che molti di noi vogliono sapere è, cosa sapeva?", ha chiesto parlando con i giornalisti nell'Iowa. "Quanti milionari e miliardari erano coinvolti nelle attività illegali cui ha preso parte anche lui? Ebbene, questa informazione non è morta con Jeffrey Epstein. Bisogna indagare". De Blasio non si spiega poi come sia possibile che il detenuto non fosse sottoposto ad una vigilanza ravvicinata dopo il primo sospetto tentativo di suicidio il mese scorso. Secondo il New York Times, dopo un primo periodo di sorveglianza ravvicinata, Epstein non ha più avuto questo tipo di controlli. "Ma come è possibile che non sia sotto protezione speciale? Cosa sta succedendo qui? Credo che questa sia una domanda per la quale dobbiamo avere una risposta esauriente", ha sottolineato ancora De Blasio.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza