cerca CERCA
Martedì 15 Giugno 2021
Aggiornato: 02:18
Temi caldi

Abbas: "Taglieremo tutti i rapporti con Usa e Israele"

01 febbraio 2020 | 13.47
LETTURA: 2 minuti

Annuncio del presidente dell'Autorità nazionale palestinese che presenterà un piano di pace alternativo a quello di Trump il prossimo 11 febbraio alle Nazioni Unite

alternate text
(AFP)

L'Autorità nazionale palestinese ''taglierà tutti i rapporti con gli Stati Uniti e con Israele''. Lo ha detto il presidente dell'Anp Mahmoud Abbas intervenendo alla riunione straordinaria convocata dalla Lega Araba al Cairo per discutere del piano di pace per il Medio Oriente elaborato dal presidente Donald Trump. ''Gli Stati Uniti non sono più un Paese amico dei palestinesi" ha aggiunto, affermando che gli americani, con questa amministrazione, non possono più svolgere il ruolo di ''arbitro'' nella crisi tra israeliani e palestinesi.

"Non passerò alla storia come il leader che ha venduto Gerusalemme" ha dichiarato ancora Abbas. Ribadendo il suo rifiuto al cosiddetto 'Accordo del secolo', definito "senza alcuna logica", ha detto che "Israele non è la patria solo degli ebrei, ma anche dei musulmani e dei cristiani". Accusando Trump di aver ''dato agli israeliani oltre il 90 per cento delle terre palestinesi'', Abbas ha detto di continuare a ''credere nella pace'' sulla base di quanto scritto nella ''Iniziativa di pace araba'' e nelle ''risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite''.

Il presidente palestinese presenterà un piano di pace alternativo a quello di Trump il prossimo 11 febbraio alle Nazioni Unite. Lo ha annunciato il ministro degli Esteri dell'Anp, Riyad al-Malikim, secondo quanto riferisce la tv israeliana Channel 13.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza