Cerca

Libia, Conte: "Ribadisco ad Haftar il cessate il fuoco"

POLITICA
Libia, Conte: Ribadisco ad Haftar il cessate il fuoco

Immagine di repertorio (Afp)

Torna a invocare il "cessate il fuoco" il premier Giuseppe Conte, dopo il lungo incontro con il generale libico Khalifa Haftar a Palazzo Chigi. "Ho chiesto un aggiornamento e ho espresso preoccupazione dell'Italia per una situazione molto critica" ha detto il presidente del Consiglio, arrivando al Forum della Pa in corso all'Eur.


Il generale Haftar è a Roma per la prima visita in Italia da quando il 4 aprile ha annunciato l'offensiva del suo autoproclamato Esercito nazionale libico (Lna) per "liberare" Tripoli. Il colloquio con il presidente del Consiglio Giuseppe Conte arriva nove giorni dopo la missione lampo a Roma del capo del Consiglio presidenziale libico, Fayez al-Serraj, che ha fatto tappa nella capitale nel quadro di un mini tour in Europa. Bisogna "evitare ulteriori spirali di violenza", aveva detto Conte a Serraj. L'Italia insiste per una soluzione politica della crisi in Libia, mediata dalle Nazioni Unite. Lunedì è stato a Bruxelles l'inviato Onu, Ghassan Salamé. C'era anche Serraj.

L'ultima visita di Haftar a Roma risale allo scorso 6 dicembre, pochi giorni dopo la Conferenza di Palermo del 13 novembre sul futuro del processo politico in Libia, da sempre difficile e oggi più che mai incerto alla luce dell'offensiva del generale. La situazione è di "stallo militare", dicono gli osservatori. L'uomo forte della Cirenaica non arretra e non avanza. Il Consiglio di Sicurezza Onu ha chiesto a "tutte le parti" in Libia di impegnarsi a rispettare un cessate il fuoco e di tornare al processo politico con la mediazione delle Nazioni Unite. L''attacco militare' di Haftar è stato condannato dall'Ue: le conclusioni del Consiglio Affari Esteri di lunedì chiedono un cessate il fuoco immediato. Per Serraj, qualsiasi proposta di tregua deve prevedere la "verifica del ritiro delle forze di aggressione", ovvero il ritiro di Haftar. Ma il generale - ha detto senza mezzi termini a Politico Anas El Gomaty, direttore del think tank Sadeq Institute - "non vuole una condivisione del potere, vuole il controllo totale della Libia".

Il generale Khalifa Haftar sarà a Parigi per un incontro con il presidente francese Emmanuel Macron a metà della prossima settimana. A farlo sapere è l'Eliseo. Due giorni fa, il ministro degli Esteri Yves Le Drian aveva anticipato l'intenzione di Macron di ricevere Haftar, che il 4 aprile scorso ha lanciato un'offensiva contro Tripoli.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.