cerca CERCA
Martedì 28 Giugno 2022
Aggiornato: 18:21
Temi caldi

Al via "Un anno contro lo spreco", i giovani al centro dell'edizione del 2014

07 aprile 2014 | 16.24
LETTURA: 4 minuti

alternate text

"Green&Young", ovvero l'impegno contro lo spreco raccontato e spiegato ai giovani, sarà il leit motiv dell'edizione 2014 della campagna europea di sensibilizzazione ''Un anno contro lo spreco'', promossa da Last Minute Market, lo spin off dell'Università di Bologna dedicato al recupero degli sprechi alimentari, presentata oggi a Bologna a Palazzo Magnani, sede di UniCredit che è tra i partner del progetto.

La campagna 2014 prevede un concorso nazionale di sensibilizzazione sul tema spreco che coinvolgerà gli istituti primari italiani nell'anno scolastico 2014-2015, e iniziative in collaborazione con l'Antoniano e con la Città dello Zecchino di Bologna che terrà a battesimo la presentazione del progetto contro lo spreco per i più giovani in occasione della sua edizione 2014 (5-7 settembre). La presentazione bolognese è stata l'occasione per sottolineare la necessità di proclamare l'Anno europeo contro lo spreco.

"Insieme al presidente della Commissione Ambiente Matthias Groote, rinnoviamo e confermiamo saldamente l'impegno del Parlamento europeo su questo tema - dichiara in collegamento con Bologna il presidente della Commissione Agricoltura del Parlamento Europeo, Paolo De Castro - e il 16 aprile a Strasburgo, con il presidente di Last Minute Market Andrea Segrè passeremo il testimone al prossimo Europarlamento affinché il 2015 diventi l'Anno Europeo contro lo spreco, un anno di informazione e buone pratiche per tutti i cittadini dell'Unione".

Stamattina, in un incontro a Bologna, "il ministro Gianluca Galletti ha confermato che i ministeri dell'Ambiente e dell'Agricoltura sosterranno con forza, nel semestre italiano di Presidenza del Parlamento Europeo, l'impegno contro lo spreco alimentare e la richiesta di proclamare nel 2015 l'Anno Europeo contro lo Spreco'', aggiunge Segrè.

L'Italia si era già mossa nei mesi scorsi, attivando una task force specifica, per iniziativa del ministero dell'Ambiente, incaricata di realizzare il Pinpas, Piano nazionale di Prevenzione dello spreco Alimentare. "In qualità di coordinatore della task force, Segré ha annunciato che le prossime due tappe di Pinpas saranno il prossimo 5 giugno, giornata Mondiale dell'Ambiente dedicata allo spreco alimentare, e il 5 novembre in occasione dell'apertura di Ecomondo 2014 a Rimini.

"La sensibilizzazione dei cittadini europei contro lo spreco alimentare è un atto necessario e fondamentale - continua Paolo De Castro - Recuperare efficienza nell'utilizzo delle risorse è oggi un obbligo non solo morale ma anche economico e politico; un tema recepito da Bruxelles, ma che fino ad ora non ha registrato una vera concertazione tra le istituzioni europee. Il Parlamento europeo è dal 2010 capofila nell'affrontare il problema del food waste con la volontà di coordinare gli sforzi e proporre iniziative, puntando anche al coinvolgimento e alla sensibilizzazione delle diverse componenti della filiera alimentare. Un percorso sicuramente complesso che, essendo giunti al termine della legislatura, non vogliamo però venga abbandonato".

Secondo i dati dell'Osservatorio Waste Watcher, promosso da Last Minute Market con Swg, nel 2013 lo spreco domestico in Italia ammonta a 8,7 miliardi di euro: una media di 213 grammi di cibo gettato ogni settimana perché considerato non più edibile. In uno studio condotto in un ipermercato di Bologna, è stato rilevato che in un anno vengono smaltiti come rifiuto fino a 92.000 Kg di cibo commestibile, ossia una media di 252 kg al giorno, su cui pesano in larga parte frutta, verdura e carne.

Si è stimato che con questi 252 kg di cibo sarebbe possibile fornire una dieta completa ed equilibrata per 18 persone al giorno, soddisfacendo a pieno il loro fabbisogno energetico. Allo stesso tempo, sarebbe possibile fornire una dieta parziale ad altre 323 persone al giorno. Con lo spreco energetico causato dalla produzione agricola rimasta nel campo in Italia nel 2012 (oltre 1,5 milioni di tonnellate, pari al 3,2% della produzione totale) si potrebbero riscaldare per un anno 400.000 appartamenti di classe A.

''Un anno contro lo spreco'' sarà presentata domani nell'ambito del festival "La scienza in piazza" a Bologna. Nell'occasione saranno anche illustrati i dati del Libro Verde dello spreco: l'Energia", curato per Last Minute Market da Andrea Segrè.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza