cerca CERCA
Lunedì 24 Gennaio 2022
Aggiornato: 17:34
Temi caldi

Giappone

Allarme Fukushima, l'acqua radioattiva finirà nel Pacifico

10 settembre 2019 | 12.34
LETTURA: 2 minuti

Per il ministro dell'Ambiente "si tratta dell'unica soluzione possibile"

alternate text
(Ipa7Fotogramma)

La società Tokyo Electric Power, gestore della centrale nucleare giapponese di Fukushima, sarebbe pronta a sversare nell'oceano Pacifico più di 1 milione di tonnellate di acqua radioattiva. E' l'allarme che viene lanciato dalle pagine del Japan Times.
A rendere nota questa operazione è stato il ministro dell'Ambiente Yoshiaki Harada, nel corso di una conferenza stampa. Secondo il ministro si tratterebbe "dell'unica opzione possibile" considerato che la struttura della centrale non ha più spazio per contenere l'acqua contaminata proveniente dai condotti di raffreddamento dei reattori.

"Anche se non sono il ministro responsabile, credo che l'unica opzione sarà quella di versarla in mare e diluirla. Tutto il governo ne discuterà, ma vorrei offrire la mia semplice opinione", ha detto Harada, parlando - ricorda l'agenzia Kyodo - alla vigilia di un rimpasto dell'esecutivo guidato da Shinzo Abe.

Il segretario di gabinetto giapponese Yoshihide Suga, in una conferenza stampa separata, ha precisato però che i commenti del ministro Harada sono "la sua personale opinione". Il governo starebbe aspettando il rapporto degli esperti per prendere una decisione definitiva. Nessuna decisione su come smaltire l'acqua contaminata dal trizio, un isotopo radioattivo, sarà presa - spiega il Guardian - fino a quando il governo non avrà ricevuto la relazione. Altre opzioni includono la vaporizzazione del liquido o la sua conservazione a terra per un lungo periodo.

Secondo la Tokyo Electric Power Company, tutti i serbatoi per lo stoccaggio dell'acqua contaminata dovrebbero essere riempiti al 100% entro l'estate 2022.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza