cerca CERCA
Giovedì 05 Agosto 2021
Aggiornato: 19:43
Temi caldi

Bankitalia, ad aprile crescita sofferenze banche scende al 22,3%

09 giugno 2014 | 11.32
LETTURA: 2 minuti

alternate text

Roma, 9 giu. (Labitalia) - Rallenta ad aprile il tasso di crescita delle sofferenze bancarie. I dati di Bankitalia mostrano infatti una crescita annua (senza correzione per le cartolarizzazioni ma tenendo conto delle discontinuità statistiche) pari al 22,3% (era del 23,0% a marzo). Quanto alla raccolta, il tasso di crescita sui dodici mesi dei depositi del settore privato è sceso all'1,4% (1,6% a marzo). La raccolta obbligazionaria, includendo le obbligazioni detenute dal sistema bancario, è diminuita del 9,6% sui dodici mesi (-10,6% a marzo).

Non si ferma la contrazione dei prestiti alle imprese: ad aprile, in base ai dati diffusi da Bankitalia, in un quadro di prestiti al settore privato in contrazione annua del 3,1 per cento (-3,3% a marzo), quelli alle società non finanziarie sono diminuiti, sempre su base annua, del 4,4% (-4,3% a marzo). Migliore lo scenario per i prestiti alle famiglie scesi dell'1% sui dodici mesi (-1,1% a marzo). Per quanto riguarda i mutui alle famiglie scendono ancora i tassi d'interesse, comprensivi delle spese accessorie, pari al 3,63% (3,70 a marzo). I tassi sulle nuove erogazioni di credito al consumo passano invece al 9,37% (9,53% a marzo).

I tassi d'interesse sui nuovi prestiti alle società non finanziarie di importo fino a 1 milione di euro sono risultati pari al 4,28% (4,20% a marzo); quelli sui nuovi prestiti di importo superiore a tale soglia al 2,66% (2,89% a marzo). I tassi passivi sul complesso dei depositi in essere sono stati pari allo 0,89% (0,94% a marzo).

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza