cerca CERCA
Martedì 22 Giugno 2021
Aggiornato: 23:41
Temi caldi

Covid: come uscire da crisi speranza? Insieme organizza incontro con Zamagni

13 aprile 2021 | 12.55
LETTURA: 2 minuti

Come uscire da una crisi non solo economica, ma anche della solidarietà e della speranza? Questa è la domanda che anima il dibattito organizzato dal comitato regionale pugliese di Insieme, di giovedì 15 aprile alle ore 20.30. Stefano Zamagni è il prestigioso relatore della serata: Presidente della Pontificia Accademia di Scienze Sociali della Città del Vaticano, già Professore Ordinario di Economia Politica all’Università di Bologna e già presidente dell’Agenzia per il terzo settore.

Il tema dell’incontro, si può così riassumere: la generatività è alla base di una società sostenibile che guarda al futuro, il dono incondizionato al mondo perché questo generi nuovo dono, a sua volta generativo. Quando questo concetto passa al Terzo settore, questa diventa “circolare” – qualità chiave per Zamagni –, ovvero diventa sostenibile a sua volta e mutuo scambio tra pubblico e privato. Interverranno anche i coordinatori regionali di Insieme in Puglia, Paola Baldassare e Mauro Minelli.

L’incontro sarà moderato da Roberto Lorusso, membro del coordinamento nazionale della comunicazione di Insieme, esperto di partecipazione e comunicazione politica.

Paola Baldassare sottolinea che "in questa emergenza, è importante chiedersi se parlare di felicità pubblica sia una provocazione semantica o rappresenti una possibilità concreta. Noi, di Insieme, riteniamo che sia una strada percorribile. Lo è per pochi ma essenziali ordini di motivi: il manifesto Zamagni, l’ispirazione cristiana laicamente declinata, il primato della territorialità ed una convergenza politico-programmatica che non corrisponde a ideologie ma a “stili di vita” in grado di promuovere progetti percorribili e non convenzionali radicati nell’etica".

Mauro Minelli, invita ad una riflessione sul futuro, ma anche su quanto abbiamo vissuto "sulle strade vuote, le finestre chiuse, lo smarrimento del non poter più contare come prima sui presìdi adibiti alla nostra sicurezza fisica. Tempo sufficiente per cominciare a pensare persino alla pandemia delle comunità più deboli, quelle di altri paesi poveri e senza grandi prospettive di protezione. Ecco, su questo ed altro c’è bisogno di trovare spunti illuminati che parlino della stessa esperienza senza autoreferenzialità, e tracce sicure per aprire nuovi percorsi, nuovi modelli di sviluppo per il governo di un futuro migliore".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza