cerca CERCA
Giovedì 30 Giugno 2022
Aggiornato: 19:07
Temi caldi

Ruoli

Da Ferilli a Gerini, la rivolta delle ex 'vallette' di Sanremo contro il 'co-conduttore' Garko

19 gennaio 2016 | 14.54
LETTURA: 4 minuti

alternate text
Gabriel Garko (Foto Fotogramma) - FOTOGRAMMA

"Sarò un co-conduttore, non si è mai parlato di supervalletto, non capisco perché giri questa voce". Così Gabriel Garko alla sua prima dichiarazione ufficiale dopo l'annuncio della sua partecipazione al Festival di Sanremo insieme con Virginia Raffaele e Madalina Ghenea, il trio che affiancherà Carlo Conti sul palco dell'Ariston. Le sue dichiarazioni hanno subito scatenato delle polemiche e il settimanale 'Chi' ha intervistato (nel numero in edicola da domani) alcune celebri attrici e showgirl che in passato sono state 'vallette' al Festival e non per questo si sono sentite offese come il bel Garko.

"Sanremo è una vetrina, mica ti chiedono di recitare Shakespeare", dice Sabrina Ferilli che nel 1996 affiancò Pippo Baudo. "Ci vogliono una certa ilarità e goliardia nell'affrontare il ruolo altrimenti hai perso in partenza. È un po' come la storia dello spazzino che è diventato 'operatore ecologico': per me il nome o l'etichetta non sono importanti. Garko starà lì sul palco e Carlo gli dirà: 'Bene Gabriel chi c'è adesso? 'C'è Arisa'. Fai quello e torni a casa, giusto che sia così".

Più dura Alba Parietti che nel 1992 affiancò Pippo Baudo: "Ho i miei dubbi che Carlo Conti abbia bisogno di un co-conduttore, considerando che Garko non sarebbe in grado. È come se mi mettessi a recitare con Giancarlo Giannini e dicessi: 'Non sarò una comprimaria'. Il consiglio che do a Gabriel è quello di parlare il meno possibile".

"Ci sono fior fior di attrici che in passato, non per fare paragoni con Garko, non hanno avuto problemi a essere chiamate 'valletta' o 'presenza femminile'", commenta Elisabetta Canalis, a Sanremo con Gianni Morandi nel 2011. "A Sanremo c'è sempre un'unica persona che conduce e poi ci sono delle presenze che si alternano. Essere all'Ariston è sempre un grande onore, qualunque sia il ruolo, e Gabriel dovrebbe prenderla sul ridere. Anche perché più si arrabbia e più lo chiameranno 'valletto'..

Garbata, ma pungente, Claudia Gerini, a Sanremo nel 2003 con Baudo. "Se Gabriel si prende sul serio è finita", dice a 'Chi'. «Per me il dibattito fra valletto e co-conduttore si potrebbe risolvere chiamandolo showman: ma, attenzione, a quel punto Garko dovrà cantare e ballare, mettersi in gioco", aggiunge.

"Non mi va di sparare su Garko", aggiunge Piero Chiambretti co-conduttore (vero) nel 1997 con Mike Bongiorno e nel 2008 con Baudo. "Se crede di essere co-conduttore, vuol dire che qualcuno gli ha detto che lo farà. Poi bisogna capire cosa significa co-conduttore: se si tratta di dire 'Ecco a voi..', lo può fare benissimo".

A risolvere il dilemma prova, con un sorriso, il vero conduttore del Festival, Carlo Conti: "A Sanremo c'è un conduttore, che porta avanti il programma e detta i ritmi, tiene la regia e il timone del programma. Intorno ci sono i presentatori che fanno i lanci e di fatto presentano insieme con lui, come è avvenuto nel caso della Ferilli, della Herzigova e delle tante illustri artiste dei Festival passati. Garko farà le cose che stiamo studiando per lui, così come Madalina e Virginia. L'importante è divertirsi per far divertire il pubblico".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza