cerca CERCA
Mercoledì 04 Agosto 2021
Aggiornato: 17:30
Temi caldi

Tv: dall'abbazia di Eco al mondo, 'Il nome della rosa' su Rai1

28 febbraio 2019 | 18.27
LETTURA: 5 minuti

alternate text
Una scena della serie tv 'Il nome della rosa'

(di Pippo Orlando)

Anno 1327, un'abbazia benedettina isolata tra le Alpi dell'Italia del nord, un efferato delitto che dà il là a una serie di crimini che coinvolgono i monaci, un frate francescano, Guglielmo di Baskerville, noto per la sua affilata intelligenza, che su mandato dell'abate dovrà indagare su questi crimini. E' 'Il nome della rosa', il bestseller di Umberto Eco edito nel 1980 che, a oltre trent'anni dall'arrivo sul grande schermo, approda in tv in quattro puntate per altrettante settimane su Rai1 da lunedì prossimo in prima serata (e in contemporanea in ultra HD su Rai4k, canale 210 della piattaforma Tivùsat).

Frutto di una coproduzione internazionale (11 Marzo Film, Palomar con Tele Muenchen Group in collaborazione con Rai Fiction) con la regia di Giacomo Battiato, la serie vanta un cast mondiale che va da John Turturro a Rupert Everett, Damian Hardung, Richard Sammel, cui si affiancano gli italiani Roberto Herlitzka, Fabrizio Bentivoglio, Stefano Fresi, Alessio Boni e Greta Scarano. La sceneggiatura è firmata dallo stesso Battiato, da Andrea Porporati (che ha avuto un lungo carteggio con Eco), John Turturro ("ho voluto inserire quanto più Eco possibile", assicura l'attore, confessando di avere letto il romanzo solo dopo l'arrivo della proposta di indossare i panni di Guglielmo di Baskerville) e Nigel Williams.

"Una coproduzione che onora la Rai e che dimostra la capacità dell'Azienda di andare verso il mondo", dice il presidente di Viale Mazzini, Marcello Foa, nel corso dell'affollata presentazione, auspicando per la serie "un grande successo". E di "progetto di respiro internazionale" parla l'ad Fabrizio Salini, felice che per la sua diffusione "si parta proprio dalla Rai. Vogliamo raccogliere tutto il nostro pubblico - aggiunge - una missione che abbiamo avviato da tempo con la nostra fiction". 'Il nome della Rosa', assicurano i produttori, è stato già acquistato dalla Bbc ed è in prevendita nelle tv di 130 Paesi, dalla Abc americana alla francese Orange, fino a Sky in Germania.

Andreatta, 'lo scrittore già nel 2015 aveva aderito al progetto anche per la presenza della Rai'

Il successo su cui puntano i vertici Rai potrebbe essere dato proprio dall'attualità dei temi affrontati nel romanzo di Eco che, "benché racconti un mondo apparentemente lontano, contiene elementi attuali ancora oggi" dice Turturro. Aspetti sottolineati dal regista Battiato: "'Il nome della rosa' non è solo un romanzo - dice - ma un grande libro dentro al quale c'è tutto: dal giallo alla filosofia, dalla storia al terrorismo, dal ruolo della donna all'amore. Ben 500 pagine da trasformare in immagini per raccontare tutto questo, un'impresa difficilissima - aggiunge Battiato - e se l'ho superata e sono ancora vivo lo devo anche allo straordinario cast, soprattutto gli attori italiani sui quali pesava la difficoltà di recitare in inglese".

"Mi sentivo davvero bravo quando riuscivo a fare la mia battuta in inglese - scherza Herlitzka - salvo poi accorgermi che quando mi parlavano loro non capivo una parola". E Turturro spezza una lancia: "Bravissimi gli italiani, non solo perché recitavano in inglese, ma perché i dialoghi erano piuttosto complessi". D'altra parte, sottolinea la direttrice di Rai Fiction, Eleonora Andreatta, "si tratta di un libro tra i più importanti del XX secolo e tra i più amati nel mondo.

"La dimensione seriale - aggiunge - è la più adatta per raccogliere la complessità del romanzo di Eco dove non si racconta solo un giallo, ma tematiche attuali come la ricerca della verità, l’importanza dell’accesso alla cultura e al sapere, la fiducia nella ragione contro la paura, e il grande spirito di tolleranza che la accompagna". Andreatta assicura che "Eco già nel 2015 aveva aderito al progetto anche per la presenza della Rai. Un motivo d'orgoglio per noi. Del resto proprio in Rai da giovane Eco ha compiuto i primi, significativi, passi di un percorso di assoluta eccellenza culturale".

Turturro, 'non ho visto film con Connery perché avevo un suo bambolotto nei panni di 007'

E in questo senso Teresa De Santis, direttrice di Rai1, sottolinea l'"importanza e la strategicità" che 'Il nome della rosa' ha per la rete ammiraglia. "Eco è stato punto di partenza per la Rai e oggi è un punto di arrivo e forse di rilancio. C'è quindi un dato simbolico nel mandare in onda 'Il nome della rosa' e ci aspettiamo grandissimi risultati". "Penso e mi auguro che questa serie, come faceva Eco con i suoi allievi quando insegnava all'Università di Bologna e come fa con il suo romanzo, contribuisca ad aprire la mente al pubblico italiano e a quello mondiale", dice il patron di Palomar, Carlo degli Esposti.

Quanto a eventuali parallelismi con il film del 1986 diretto da Jean-Jaques Annaud e con Sean Connery nella parte di frà Guglielmo, ci pensano Battiato e Turturro a dissipare eventuali dubbi: "Annaud aveva solo due ore a disposizione e ha scelto di raccontare solo la parte del giallo nel film - dice Battiato - io con otto ore a disposizione ho preferito rendere anche gli altri aspetti del romanzo". "Amo molto Connery come attore - dice Turturro - ma da bambino avevo un bambolotto che ritraeva Connery nei panni di James Bond. Per questo non ho ritenuto utile vedere il film di Annaud".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza