cerca CERCA
Giovedì 21 Ottobre 2021
Aggiornato:
Temi caldi

Calcio: De Laurentiis, auguri a Lapadula e Immobile non ci interessa

24 giugno 2016 | 14.51
LETTURA: 4 minuti

alternate text
Il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis (Foto Afp)

"Lapadula? Dobbiamo avere gente innamorata della città di Napoli e non solo della squadra. Voglio gente contenta, ma al suo posto avrei fatto lo stesso. Avrà immaginato di avere davanti a sé Higuain, Gabbiadini, Mertens, Callejon e avrà pensato: quando giocherò? Non essendo più ragazzino, Lapadula ha scelto il Milan perché è una squadra con un passato vincente ed ha platee più internazionali. Così potrà avere più visibilità. Gli faccio tanti auguri e gli dico: caro Lapadula, hai fatto benissimo, tanti cari auguri, che Dio ti protegga". Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis, ha parlato così dell'attaccante del Pescara, Gianluca Lapadula che ha scelto di andare a giocare al Milan, a radio Kiss Kiss Napoli.

Il numero uno dei partenopei, continuando a parlare di mercato, ha fatto riferimento anche a Ciro Immobile. "Ho ricevuto una telefonata da alcuni 'media' spagnoli, si parlava di Immobile ed io scherzando ho detto che Immobile mi interessava solo se fosse venuto gratis. Immobile è un ottimo calciatore che andrebbe bene in un Napoli improntato ad un gioco diverso da quello di Sarri. Se avessi desiderato davvero Immobile lo avrei chiesto al suo procuratore, che è lo stesso di Lapadula. Noi abbiamo Gabbiadini che può fare potenzialmente 30 gol in Serie A. Chi vivrà vedrà", ha aggiunto De Laurentiis.

Il presidente del Napoli ha fatto riferimento poi anche a Lorenzo Insigne e al suo impiego ad Euro 2016. "Conte doveva far giocare tutti ma ha fatto l'errore di valutazione relativo ad Immobile seconda punta; lui non ha la mobilità di Insigne. Questa scelta ha penalizzato l'Italia e lo stesso Conte". Poi ha aggiunto: "Ai tifosi dico: sto lavorando per voi, state tranquilli che faremo un bellissimo campionato. Gli acquisti vanno centellinati, verificati. Ho fatto un'offerta per Tolisso, che ha qualità importanti che nel futuro dei prossimi 5 anni ci possono essere molto utili, ma se lui non vuol venire è un problema suo, non posso puntargli una pistola alla testa. Se Aulas decide che non è vendibile, cosa posso fare?".

De Laurentiis ha parlato poi dello stadio San Paolo. "Ho incontrato De Magistris questa mattina e abbiamo deciso di stilare un nuovo accordo per lo stadio San Paolo. Lunedì vado a Los Angeles ma i miei torneranno a Napoli martedì per stabilire le modalità di sistemazione, entro 40 giorni, delle parti più esposte alla visita delle squadre avversarie di Champions League, così da evitare di farsi criticare. Ci saranno grandi interventi strutturali per la tribuna stampa. Sarà importante la rapidità decisionale. È scattato un conto alla rovescia: la prima partita di Champions è prevista nella seconda parte del mese di settembre, dobbiamo cominciare entro una settimana a lavorare altrimenti nessuno sarà mai in grado di poter essere operativo. Ho ricevuto delle foto del manto erboso del San Paolo dopo il concerto di Gigi D'Alessio e mi sembra che l'erba sia stata bruciata, come se ci fosse stato un incendio. È un peccato perché per i 90 anni di storia del Napoli stiamo convincendo il Besiktas a giocare un'amichevole ad agosto al San Paolo. Un esame importante in vista della prossima stagione".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza