cerca CERCA
Lunedì 16 Maggio 2022
Aggiornato: 21:23
Temi caldi

Def: Patuelli, non cambiare ancora regole per banche, ora confronto

09 aprile 2014 | 16.13
LETTURA: 1 minuti

alternate text

Roma, 9 apr. (Labitalia) - "Abbiamo subìto poche settimane fa anche un'imposta straordinaria sui redditi delle banche del 2013, addirittura pari a otto punti e mezzo. La rivalutazione delle quote della Banca d'Italia, peraltro, era un atto dovuto: l'Italia era l'unico Paese ancora fermo a valori prebellici, ed è stata già tassata con l'aliquota ordinaria". Lo ha ricordato il presidente dell'Abi, Antonio Patuelli, al Gr2 Rai.

Quanto all'impatto di un maggior prelievo fiscale sui conti delle banche in vista di Asset quality review e stress test, Patuelli ha aggiunto: "Quando gli esami sono iniziati le regole del gioco in un solo paese, l'Italia, non possono e non debbono essere cambiate perché penalizzano solo i giocatori italiani".

In vista della presentazione del decreto legge del prossimo 18 aprile, ha concluso Patuelli, "noi vorremmo un confronto di ragionamento, in questi pochi giorni che sussistono".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza