cerca CERCA
Sabato 06 Marzo 2021
Aggiornato: 15:15
Temi caldi

Direttore Museo Etrusco: "Lazio arancione ma Villa Giulia vola sui social tra storia e ironia"

15 gennaio 2021 | 19.08
LETTURA: 2 minuti

alternate text
Immagine del post pubblicato oggi sulla pagina facebook del Museo Etrusco di Villa Giulia
Roma, 15 gen. (Adnkronos)

"Purtroppo il Lazio sta per diventare zona arancione e quindi non beneficerà delle riaperture museali che scattano il 18 gennaio nelle zone gialle, ma con grande gioia e soddisfazione, grazie a tutta la straordinaria squadra che lavora nel museo, continuiamo a restare in contatto con il pubblico sin dall’inizio del lockdown". Parola di Valentino Nizzo, direttore del Museo Etrusco di Villa Giulia. Non a caso, infatti, il ‘suo’ museo sta letteralmente volando sui social tra lezioni in diretta, iniziative inedite e divertenti, linguaggio inconsueto e accattivante, videogame, post ironici che spopolano come quello di oggi su facebook che accompagna l’immagine del ‘Sarcofago degli Sposi’ e che inizia così “Volevamo dire al social media manager di Taffo Funeral Services che noi di robe funerarie ce ne intendiamo eccome, quindi non vi sparate le pose che non ce n'è bisogno. Volevamo chiedere invece al social media coso di Unieuro se hanno anche aspirapolvere in offerta. Da quando siamo chiusi i nostri capolavori hanno bisogno di una bella spolverata. No, la lavatrice non ci serve, grazie!...”.

Porte chiuse, quindi, anche la prossima settimana e fintantoché il Lazio resterà arancione, ma eventi digitali a go-go per lasciare la cultura sempre in pista. "Puntiamo a divertire tutti, a partire dai ragazzi – racconta Nizzo all’Adnkronos - e in particolare dagli studenti delle elementari che quest'anno non sono potuti venire in gita al museo. La cultura non ha solo il compito di diffondere la conoscenza ma di distrarre e far riflettere, anche provocando e modulando il linguaggio in funzione dei diversi possibili destinatari in modo da raggiungere anche i cosiddetti ‘non pubblici’ che sono più felici di seguire la comunicazione social di Taffo o Unieuro invece di quella di un museo. Un compito ancor più rilevante in un momento di grande sofferenza come questo".

"Sin da marzo scorso, anzi proprio dalla mattina in cui ci hanno detto che dovevamo chiudere, sono partito con una diretta e ho raccontato gli Etruschi. Il nostro canale youtube (etruschannel) in questo momento -evidenzia Nizzo - sta riscuotendo un grande successo e siamo alla pari degli straordinari competitor degli Uffizi (in questo momento etruschannel ha eguagliato i 3840 iscritti della corazzata uffizitv, ndr). Il nostro obiettivo è un museo inclusivo e per questo inventiamo sempre cose nuove per coinvolgere il maggior numero di persone – sottolinea ancora il direttore - Siamo quindi dispiaciuti per la mancata apertura della prossima settimana, ma andiamo avanti su questa strada e il 19 gennaio sbarcheremo, primo museo italiano, sulla piattaforma twich, una piattaforma per il live streaming che di solito parla di videogame per ragazzi. Sono loro che ci hanno invitato a parlare del videogame sugli etruschi che noi abbiamo sostenuto, ‘mi Rasna’, e ne siamo felici".

(di Veronica Marino)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza