cerca CERCA
Giovedì 19 Maggio 2022
Aggiornato: 00:02
Temi caldi

Disturbi urinari tra silenzi e pudore, ciclo di incontri a Milano

25 settembre 2018 | 16.58
LETTURA: 4 minuti

alternate text
- FOTOGRAMMA

Un problema che incide pesantemente sulla vita delle persone, ancora troppo spesso taciuto per pudore anche al medico di famiglia. "Tra uomini e donne si stima che nel mondo siano 200 milioni le persone costrette a fare i conti con un disturbo urinario. Spesso parliamo di incontinenza, non poco diffusa, che può avere un impatto devastante sulla qualità della vita". Ad affermarlo all'AdnKronos Salute è Manuela Tutolo, urologa e responsabile dell'Urologia funzionale del San Raffaele di Milano. "Il mio obiettivo è riuscire a spiegare ai pazienti che è importante parlare di questi problemi con il proprio medico e rivolgersi a uno specialista: la soluzione nella gran parte dei casi è possibile senza un intervento", sottolinea.

Gli specialisti dell'Unità di Urologia dell'Irccs ospedale San Raffaele, diretta dal professor Francesco Montorsi, organizzano quattro incontri presso due hotel milanesi proprio per informare e sensibilizzare il pubblico sull'incontinenza urinaria e sulla cistite. "In Italia - aggiunge Tutolo - si stima che una donna su cinque soffra di questi disturbi urinari. Mentre negli uomini l'incontinenza può essere risultato dell'intervento di rimozione della prostata. Dopo un anno dall'operazione, il 6% di chi ha ancora un problema urinario si sottopone a un intervento chirurgico di seconda linea. Per le donne gravidanza, parto e menopausa sono fattori di rischio", ricorda l'esperta. La buona notizia "è che la soluzione esiste, e spesso il problema si risolve con terapie farmacologiche o fisioterapia del pavimento pelvico. Altrimenti c'è la chirurgia".

In particolare, "la fisioterapia del pavimento pelvico permette di sviluppare muscoli chiave per la continenza - evidenzia Tutolo - Un risultato che si ottiene in media con 9 sedute". Una soluzione che in molti non conoscono, così ci ritroviamo con donne di 60 anni rassegnate al pannolino, quando un'alternativa è possibile. "Abbiamo pensato che fosse importante rompere il silenzio e informare le persone. Lo facciamo con una serie di incontri destinati a gruppi di uomini o donne, in cui approfondire il problema e analizzare tutte le soluzioni possibili", conclude la specialista. Mettendo al bando silenzi e rassegnazione.

Ecco il calendario degli appuntamenti milanesi: 27 settembre, ore 18, incontinenza urinaria maschile (Una Hotel Mediterraneo, via Lodovico Muratori 14); 1 ottobre, ore 18, incontinenza urinaria femminile e cistite (Una Hotel Mediterraneo, via Lodovico Muratori 14); 26 novembre, ore 18, incontinenza urinaria maschile (Hotel Holiday Inn Milan Garibaldi Station, via Ugo Bassi 1); 3 dicembre, ore 18, incontinenza urinaria femminile e cistite (Hotel Holiday Inn Milan Garibaldi Station, via Ugo Bassi 1). Gli incontri sono gratuiti. Per iscriversi è necessario inviare una mail alla segreteria organizzativa all'indirizzo info@newprogress.com.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza