cerca CERCA
Venerdì 28 Gennaio 2022
Aggiornato: 09:03
Temi caldi

Dormire in un igloo: sul ghiacciaio Presena tre suite di ghiaccio

27 dicembre 2021 | 16.50
LETTURA: 2 minuti

A 2.750 metri di altezza accanto al Rifugio Capanna Presena, l'artista Ivan Mariotti ha realizzato tre stanze-igloo con ogni comfort. Disponibili finché non scioglieranno

alternate text

Salire in alta quota, godersi una giornata di sci sulla neve sfruttando 100 chilometri di piste in uno dei panorami più belli delle Alpi e poi dormire tra i ghiacci, senza ovviamente rinunciare ai comfort. A 2.750 metri di altezza, sul Ghiacciaio Presena, sono state appena completate tre lussuose camere-igloo e una 'cantina di ghiaccio' dove degustare i migliori prodotti della distilleria trentina Marzadro, accanto al Rifugio Capanna Presena, fruibili finché non scioglieranno.

A realizzarle, lo scultore Ivan Mariotti insieme a un team di 5 persone: Pierluigi Bernardi, Michela Ciappini, Marco Martello, Ruggero Vanelli, Gianluigi Zeni. “Per costruirle - spiega Mariotti - abbiamo gonfiato tre grandi palloni sui quali è stata gettata acqua e neve. Poi, quando la neve ha raggiunto un metro di altezza, abbiamo iniziato a formare l'igloo con una fresa e, dopo che la struttura di ghiaccio si è consolidata, abbiamo sgonfiato il pallone”. Una volta completata la parte architettonica, ecco la parte artistica. Ciascuna camera è infatti ispirata a un tema particolare.

Nella Forst Room, dedicata alla famosa birra locale, ecco una donna che serve grandi boccali e due sciatori che si godono la pausa tra una sciata e l’altra. Nella Water Room, dedicata all’acqua Surgiva, appaiono onde stilizzate, gocce di acqua giganti e una donna sdraiata che si specchia in un laghetto. La Forest Room è invece un inno alla natura che si reimpossessa del territorio, simboleggiata da una mamma lupa che accudisce i propri cuccioli sotto alla luna.

La temperatura interna nelle stanze rimane sempre attorno ai 4 gradi. Pochi ma di gran lunga più alti delle temperature glaciali che si registrano sul Presena di notte (si arriva anche a -30°C). Rigorosamente di ghiaccio è ovviamente il letto: sulla sua base vengono posti un materasso in pvc, una coperta per isolare termicamente e poi un materasso normale. Su di esso viene collocato un piumino inserito dentro a calde coperte di flanella. Illuminazione assicurata da lampade a led.

“Le tre suite di ghiaccio che sorgono vicino alla Capanna Presena sono una scommessa vinta e siamo felici di essere riusciti a riproporle anche quest’anno. Per chi ci alloggerà, l’esperienza di trascorrere la notte totalmente avvolti dalla neve in alta quota sarà estremamente piacevole - commenta Michele Bertolini, direttore del Consorzio Pontedilegno-Tonale - L’iniziativa conferma la volontà di venire incontro alle esigenze del pubblico, per il quale poter vivere pienamente a contatto con la natura più vera e gli elementi che la compongono è un fattore in più che orienta la sua scelta di vacanza”.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza