cerca CERCA
Giovedì 26 Maggio 2022
Aggiornato: 12:49
Temi caldi

E-commerce: al via progetto E-Marco Polo per accesso a mercato Cina

15 dicembre 2016 | 13.15
LETTURA: 3 minuti

alternate text
- BillionPhotos.com - Fotolia

Al via l’eshop B2C di “E-Marco Polo”, nuova vetrina per le aziende e i brand italiani che intendono operare nel mercato cinese con partner di rilevanza internazionale nel campo dell’e-commerce e di primarie istituzioni finanziarie. Si tratta di una delle iniziative private nate a seguito del memorandum siglato dal governo italiano con il Gruppo Alibaba per promuovere il Made in Italy su Tmall Global, uno dei più grandi portali B2C e-commerce nel mondo, operante in un mercato che vale 511 miliardi di euro con una crescita media annuale del 34% dal 2013 al 2015.

Il progetto E-Marco Polo (E-MP) ha come partner industriali il Gruppo Cremonini, leader nella produzione e distribuzione di prodotti del Food & Beverage, la società di consulenza strategica specializzata su innovazione e internazionalizzazione delle imprese The Cambridge Management Consulting Labs (CMC Labs), e come partner finanziari Intesa Sanpaolo e UniCredit.

E-MP lancia così una vetrina B2C di servizi “end-to-end” che permette ad aziende e brand italiani di vendere i propri prodotti direttamente ai consumatori cinesi senza avere una presenza fisica nel Paese.

E-Marco Polo gestirà iniziative di marketing per indirizzare gli utenti di Tmall Global verso la vetrina di vendita dei prodotti alimentari italiani e fungerà da "general contractor" con i fornitori che gestiranno in Cina i servizi logistici a supporto dei processi di import, marketing, customer care, oltre alle strategie e alle azioni di brand-marketing.

Alibaba Group, fondata nel 1999, è il più grande marketplace per l’online e il mobile di ecommerce al mondo, con un giro d’affari pari a 485 miliardi di dollari, oltre 10 milioni di active seller e 439 milioni di active shoppers, mentre Tmall Global è la piattaforma di Alibaba Group lanciata a febbraio 2014, dedicata all'e-commerce cross-border, che prevede procedure di sdoganamento semplificate e un regime di tassazione agevolato. Tmall Global oggi conta più di 5.400 vetrine di aziende e brand internazionali da oltre 25 Paesi, che possono vendere direttamente ai consumatori cinesi senza richiedere una presenza fisica nel Paese.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza