Donna muore dopo aborto con Ru486 Ministero Salute apre un'inchiesta

CRONACA
Donna muore dopo aborto con Ru486 Ministero Salute apre un'inchiesta

Roma, 10 apr. (Adnkronos Salute/Ign) - Una donna di 37 anni è morta all'Ospedale Martini di Torino per una crisi cardiaca dopo aver assunto la pillola abortiva Ru486. Si tratta del primo caso in Italia. A quanto apprende l'Adnkronos Salute il ministero guidato da Beatrice Lorenzin ha già aperto un fascicolo sul decesso, ed è stata richiesta una relazione sulla vicenda alla Regione Piemonte.


LA TRAGEDIA. La signora, come da protocollo, dopo una visita ginecologica effettuata il 4 aprile, era stata ricoverata lunedì 7 per l'assunzione della prima pillola, aveva quindi chiesto di essere dimessa e mercoledì 9, passate le 48 ore era tornata in ospedale per la seconda assunzione. Fino alle 12 il decorso non ha evidenziato alcun problema, ma intorno alle 12.30 la signora dopo una prima difficoltà respiratoria è svenuta e quindi ha avuto diversi arresti cardiaci che hanno reso necessario il trasferimento in rianimazione, dove è deceduta in tarda serata. Per capire cosa abbia provocato la morte della 37enne occorrerà attende l'esito dell'autopsia ordinata dalla Procura di Torino.

L'OSPEDALE. "Non sappiamo cosa sia successo, ma mi sento di escludere che ci siano stati errori, la signora ha fedelmente eseguito tutte le procedure di protocollo per l'interruzione farmacologica di gravidanza", ha detto Flavio Carnino, primario della Ginecologia del Martini. "Non ci risulta - ha aggiunto il sanitario - che ci fossero condizioni patologiche pregresse che potessero indurci a qualche perplessità nell'effettuare l'interruzione farmacologica di gravidanza e posso confermare che da quando la paziente ha manifestato i primi malesseri è stato fatto tutto il possibile dai ginecologi coadiuvati da anestesisti e cardiologi". Carnino ha quindi ricordato che nel 2013 l'ospedale ha eseguito una sessantina di interruzioni farmacologiche di gravidanza e non si è verificato alcun problema".

IL PADRE DELLA RU486. Silvio Viale, considerato il 'padre' della pillola abortiva nel nostro Paese, che oggi dirige il principale servizio italiano per Ivg presso l'Ospedale Sant'Anna di Torino (3.490 Ivg nel 2013 di cui il 34% con l'ausilio della Ru486), respinge ogni strumentalizzazione. "Sono decine di milioni le donne che hanno assunto la Ru486 nel mondo e 40.000 in Italia. L'episodio ricorda la prima e unica morte in Francia nel 1991, agli inizi del suo uso, che indusse a modificare il tipo di prostaglandina per tutti gli interventi abortivi introducendo il misoprostolo (Cytotec). Sono gli altri farmaci, gli stessi che si impiegano per le Ivg chirurgiche, i maggiori sospettati di un nesso con le complicazioni cardiache".

"Il mio primo pensiero va alla donna, una delle circa 40 morte in gravidanza ogni anno in Italia - ricorda Viale - e mi unisco al dolore della famiglia e allo sconcerto dei colleghi del Martini. Sarà l'autopsia a dare maggiori chiarimenti su questa morte improvvisa in gravidanza per complicazioni cardiache, ma sin da ora posso affermare che non vi è alcun nesso teorico di causalità con il mifepristone (Ru486), perché non ci sono i presupposti farmacologici e clinici".

"All'Ospedale Sant'Anna di Torino - ricorda - sono 5.128 le donne che hanno assunto la Ru486, 429 in questi primi mesi del 2014, e la Ru486 ha rivoluzionato tempi e modalità degli aborti del secondo trimestre e reso meno traumatico l'aborto senza l'intervento chirurgico". "Con l'aborto medico - spiega - si usano meno farmaci e si hanno meno complicazioni. Ogni anno al Sant'Anna 2-3 donne debbono subire un intervento addominale come complicazione di una Ivg chirurgica. A differenza del mifepristone sono gli altri farmaci utilizzati nelle Ivg, sia mediche che chirurgiche, che possono avere effetti cardiaci, seppure raramente: la prostaglandina (gemeprost) in primo luogo, già individuata come responsabile di decessi e complicazioni cardiache, ma anche l'antidolorifico (ketorolac) ampiamente utilizzato off-label in gravidanza e l'antiemorragico (metilergometrina) utilizzato in Italia di routine in quasi tutti gli aborti in ospedale e a domicilio. Anche la gravidanza di per se è un fattore di rischio".

"In attesa che l'autopsia indichi la causa della morte - conclude - ribadisco che ben difficilmente, per non dire con ragionevole certezza, la Ru486 potrà essere chiamata come responsabile diretta o indiretta delle complicazioni che hanno portato al decesso, mentre gli altri farmaci (gemeprost, ketorolac, metilerometrina) hanno tutti potenziali effetti cardiovascolari. Tutti e quattro i farmaci sono utilizzati anche per l'aborto chirurgico. Questa tragica fatalità dovrebbe indurre ad abbassare il tono delle polemiche antiabortiste e favorire la creazioni di servizi specialistici adeguati per le Ivg dove le donne possano avere le migliori informazioni e i migliori trattamenti. Purtroppo i rischi di eventi eccezionali sono inevitabili e non rassicura di certo che siano inferiori a quelli che si corrono con la gravidanza".

L'AZIENDA. "Siamo consapevoli di queste informazioni e stiamo studiando seriamente questo caso". commenta all'Adnkronos Salute la Exelgyn Laboratoires, il dipartimento Sicurezza del farmaco dell'azienda produttrice della pillola.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.