Cerca
Home . Fatti . Esteri .

Dalla Merkel manager al Renzi gesticolante, ogni leader ha il suo stile

ESTERI
Dalla Merkel manager al Renzi gesticolante, ogni leader ha il suo stile

Dalla Merkel in stile manageriale a Renzi che gesticola e assume "pose barocche", il 'New York Times' si diverte a descrivere i vari stili di comunicazione scelti dai leader dell'Ue in occasione dei summit europei. Matteo Renzi, che arriverà a Bruxelles "fresco della cena di Stato" alla Casa Bianca, sottolinea le sue affermazioni "con gesti espressivi delle braccia" e torsioni del busto "in pose barocche". Ma questo atteggiamento da showman, nota il giornale, "s'interrompe bruscamente quando abbassa gli occhi e le spalle per controllare il cellulare".


La cancelliera tedesca Angela Merkel ha invece scelto uno stile di "efficienza manageriale" senza fronzoli. Entra con passo rapido nella sala dei briefing e si accomoda su una sedie da ufficio, sullo sfondo di una carta gigante dell'Europa. Quanto al presidente francese, Francois Hollande punta a ricordare la sua potenza militare. Accanto a lui c'è sempre un aiutante di campo in uniforme con la valigetta dei codici nucleari.

Alexis Tsipras rimane sempre l'unico leader senza cravatta, "per mantenere le sue credenziali anti establishment" davanti agli elettori greci. E' uno dei leader più avari di briefing con la stampa, preferendo dichiarazioni preconfezionate in greco e inglese. C'è poi il lussemburghese Xavier Bettel, famoso per le sue sciarpe trendy le cui immagini vengono postate su Twitter. Mentre la lituana Dalia Grybauskaite, cintura nera di karate, è nota per le frasi brevi e taglienti tipo: "La Russia è praticamente in stato di guerra con l'Europa". Oppure si lancia in commenti a mò di proverbio: "Quando la vita dà limoni, l'unica scelta è fare limonate".

La galleria dei ritratti non dimentica lo slovacco Robert Fico, che usa come sfondo degli incontri con la stampa una mappa dove il suo Paese appare molto più grande rispetto ai vicini. Ed infine il New York Times si chiede quale sarà lo stile della britannica Theresa May, al suo primo Consiglio europeo mentre Londra si appresta a lasciare l'Ue. Il suo predecessore David Cameron, ricorda il giornale, si circondava da bandiere britanniche che oscuravano il vessillo europeo.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.