Home . Fatti . Esteri .

Mette 'mi piace' su Facebook, 45enne condannato per diffamazione

ESTERI
Mette 'mi piace' su Facebook, 45enne condannato per diffamazione

(Afp)

Una sfilza di 'like' su Facebook, messi sotto post che accusavano un uomo di antisemitismo e razzismo sono valsi una condanna per diffamazione a un 45enne in Svizzera, primo caso di questo genere. L'uomo, un cittadino di Zurigo, è stato dichiarato colpevole da un tribunale svizzero per aver cliccato il pollice all'insù ad alcuni commenti che accusavano Erwin Kessler, presidente di un'associazione animalista, di essere "razzista", "fascista" e "antisemita".


I fatti risalgono al 2015, scrive il quotidiano elvetico 'Tages Anzeiger', quando il 45 enne ha messo 'mi piace' a una serie di commenti in un gruppo Facebook e nel caso sono state coinvolte più di una dozzina di persone. Alcuni utenti sono già stati condannati per aver scritto i commenti denigratori, ma il 45enne è l'unico, di fatto, ad aver ricevuto una condanna per i soli 'like'. Secondo il giudice, "cliccando sul tasto 'mi piace', l'uomo ha chiaramente approvato il contenuto e lo ha reso suo, contribuendo a diffonderlo".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.