Home . Fatti . Esteri . Sega, musica e ossa spezzate: gli ultimi 7 minuti di Khashoggi

Sega, musica e ossa spezzate: gli ultimi 7 minuti di Khashoggi

ESTERI
Sega, musica e ossa spezzate: gli ultimi 7 minuti di Khashoggi

(Afp)

Musica nelle orecchie, forse per non sentire le urla strazianti del giornalista mentre veniva fatto a pezzi. O magari, più semplicemente, per non ascoltare i rumori dell'operazione. Mentre si infittisce il giallo della scomparsa di Jamal Khashoggi, il giornalista saudita del 'Washington Post' sparito nel consolato dell'Arabia Saudita a Istanbul il 2 ottobre scorso, si fanno sempre più raccapriccianti i dettagli del suo presunto omicidio. L'ipotesi più accreditata è che Khashoggi sia stato vittima di torture all'interno del consolato saudita, poi picchiato e decapitato. Ma c'è di più.

Secondo quanto riportato da alcuni quotidiani turchi, che riferiscono dell'esistenza di un audio che proverebbe le atrocità subite dall'editorialista del 'Washington Post', il medico saudita incaricato di smembrare il corpo verrebbe sentito mentre raccomanda alle persone presenti di indossare, come fa lui, delle cuffie per ascoltare la musica. Il medico in questione sarebbe il saudita Salah al-Tubaigy, uno specialista che ha studiato a Melbourne, in Australia. Stando a quanto rivela la Abc Al-Tubaigy, al-Tubaigy è uno dei capi della scientifica saudita ed è stato indicato dalle autorità turche come uno dei 15 uomini giunti da Riad e presenti nel consolato il giorno in cui Khashoggi sarebbe stato brutalmente interrogato e ucciso.

Il medico, secondo le autorità turche, portava in valigia una sega da ossa. E ora la Abc rivela che ha trascorso tre mesi, dal giugno 2015, al Victorian Insititute of Forensic Medicine di Melbourne, per un corso a spese del governo saudita. Qui - hanno confermato il direttore dell'Istituto, Noel Woodford, e il suo predecessore Stephen Cordner - ha detto di essere interessato a studiare le tecniche di identificazione delle vittime di disastri, affermando di essere responsabile della supervisione del pellegrinaggio annuale alla Mecca Hajj), ma non ha effettuato autopsie.

Il presunto omicidio di Khashoggi sarebbe avvenuto nell'ufficio del console. Lì il giornalista sarebbe stato picchiato e seviziato e gli sarebbero state tagliate le dita. Ieri il sito del quotidiano filo-governativo turco 'Yeni Safak' ha affermato di aver ottenuto alcuni audio registrati all'interno del consolato e in uno di questi si sentirebbe il console della monarchia del Golfo, Mohammad al-Otaibi, che ha lasciato la Turchia per far ritorno a Riad, affermare: "Se vuoi vivere, stai zitto". "Fate questo fuori. Mi metterete nei guai", avrebbe poi aggiunto il console durante il presunto interrogatorio di Khashoggi. Secondo quanto riportato da alcuni media turchi, l'editorialista sarebbe morto in 7 minuti, dopo essere stato seviziato.

Intanto, il ministro della Giustizia turco Abdulhamit Gul ha annunciato che Ankara ha condotto ''indagini meticolose'' il cui risultato arriverà ''presto'', sottolineando che "sarà fatto ciò che il diritto internazionale richiede". Ieri un team di indagine composto da investigatori turchi e sauditi è entrato per la prima volte nella residenza del console saudita Mohammad al-Otaibi e nuovamente nel consolato di Riad a Istanbul per un'ispezione. Ma al momento il mistero della sparizione di Khashoggi sembra lontano da una soluzione. E il caso si infittisce di particolari di ora in ora.

L'ultimo colpo di scena riguarda il tenente dell'aeronautica militare saudita Meshal Saad Albostani, uno dei 15 sospetti che il 2 ottobre si trovavano all'interno del consolato saudita a Istanbul e che, secondo il giornale turco 'Yeni Safak' "è morto in un incidente d'auto sospetto" a Riad. Il giornale precisa che non ci sono "dettagli" sull'incidente e non è chiaro il ruolo di al-Bostani nel caso Khashoggi. "Circolano voci secondo cui Albostani - scrive il giornale - potrebbe essere stato messo a tacere".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.