cerca CERCA
Giovedì 30 Giugno 2022
Aggiornato: 15:54
Temi caldi

Fontana: "Basta guerra e sciacallaggio, risorse a Lombardia"

03 maggio 2020 | 18.45
LETTURA: 5 minuti

Il governatore lombardo all'Adnkronos: "Il governo deve destinare più attenzioni alla Regione, se vuole davvero rilanciare l'economia del paese". E sulla Fase 2: "Così rischio situazioni fuori controllo e contenziosi"

alternate text
Foto Fotogramma

di Luca Crecchi
''Il governo deve destinare più attenzioni e risorse certe alla Lombardia, se vuole davvero rilanciare l'economia del paese e la maggioranza deve smetterla di fare guerra alla Regione solo perché di colore politico diverso''. A chiederlo è il governatore della Lombardia, Attilio Fontana che, in vista della fase 2, rivendica con orgoglio quanto fatto dalla Regione fino ad oggi, si dice amareggiato per gli attacchi delle opposizioni che definisce ''sciacallaggio'' e invita l'esecutivo a dialogare maggiormente per ''risolvere i problemi'' di una ripartenza che come studiata ''rischia di creare situazioni fuori controllo e contenziosi a non finire''.

Il governatore ricorda che ''nelle famiglie contadine del secolo scorso -dice all'Adnkronos- quando c'era un'unica bistecca da mangiare la mangiava l'uomo che doveva andare a lavorare nei campi perché era chiaro che bisognava rafforzare chi portava a casa il sostentamento per tutta la famiglia. Ecco io credo che questo modo di vedere le cose dovrebbe essere esteso alla Lombardia che per anni ha trascinato il resto del paese. La regione ora dovrebbe essere quella che viene messa nelle condizioni di poter riprendere la produzione; i nostri imprenditori dovrebbero essere aiutati per poter rilanciare l'economia di tutto il paese''.

Anche perché il tessuto economico lombardo è allo stremo e la situazione è sempre meno facile da tenere sotto controllo: ''I nostri imprenditori -dice- soprattutto quelli della piccola e piccolissima impresa, la micro azienda e le partite iva iniziano a essere ai limiti della sopportazione. Temo che già da domani ci sia qualcuno che non è più nelle condizioni di riaprire la propria attività soprattutto nel mondo del commercio e del turismo''. Ecco perché il governo deve intervenire presto e bene: ''Credo che non ci sia più molto tempo, gli interventi debbano arrivare presto e debbano essere interventi veri. E' inutile raccontare di mirabolanti cifre, bisogna dire con precisione quanto e quando arriverà ora perché più si va avanti con questa situazione più si determina la fine di tante attività. La gente deve sapere di quanto potrà disporre e se con quelle risorse potrà riprendere il lavoro''.

Su questo fronte la Regione ha fatto il massimo: ''Abbiamo messo a disposizione per gli investimenti -sottolinea Fontana- tutte le risorse che avevamo facendo un grande sforzo dato che non si tratta di garanzie, ma di soldi veri che potranno essere incassati da tante aziende''. Ora tocca al governo intervenire sulla regione e sul sistema produttivo lombardo ''che prima che esplodesse questa pandemia stava progettando il proprio futuro'' e che all'improvviso durante l'emergenza ''si è trovata attaccata in modo vergognoso, il più delle volte su notizie non vere e atti assolutamente falsi''.

Attacchi che Fontana non esita a definire ''sciacallaggio politico. Se ci sono delle responsabilità politiche o penali -dice- saranno appurate da ben due commissioni di inchiesta e dalla magistratura. Ma questi attacchi sono la dimostrazione che non c'è nessuna volontà di andare d'accordo, nessunissima volontà di trovare un compromesso che consenta di ragionare insieme su come ripartire''.

Per il governatore è tutto chiaro: ''mi sembra che la dichiarazione di guerra chiara, forte esplicita nei confronti della Lega, di parte delle opposizioni e della Regione Lombardia sia già stata fatta e depositata e questo amareggia perché la Lombardia non si è mai tirata indietro quando si è trattato di dare una mano al resto del paese''. Anche dal punto di vista sanitario la Lombardia ''cura e guarisce centinaia di migliaia di persone che vengono dal resto del Paese e adesso, nel momento in cui si è trovata in un momento di difficoltà, viene trattata in questo modo; onestamente mi dispiace e dovrebbe amareggiare il resto del Paese''.

Perché secondo il presidente della Regione nessuno per esempio si è permesso di polemizzare ''su un piano anti pandemia che sarebbe stato aggiornato solo pochi giorni prima che scoppiasse l'emergenza, ecco, c'è da sperare che non sia vero''. E però se la Lombardia avesse potuto camminare da sola sulle proprie gambe contando su una maggiore autonomia ''ci saremmo presentati di fronte a questa pandemia con 2500 medici e infermieri in più il che ci avrebbe consentito nella peggiore delle ipotesi di avere un approccio migliore, così come su tutto il resto''.

E' quindi ''sciacallaggio politico chiedere la mozione di sfiducia nei confronti dell'assessore al Giulio Gallera'', così come appare incomprensibile non aver ascoltato meglio le proposte sulla ripartenza ''sarebbe stato più opportuno per evitare fughe in avanti e forzature. Noi avevamo chiesto regole chiare e rigorose, con valutazioni territoriali''. E ad esempio ''una delle tante questioni che mi sono permesso di sottoporre al governo in previsione del 4 maggio è stata quella della possibilità di riaprire i centri estivi, gli oratori, così come avevo proposto al governo di consentire a uno dei genitori di stare a casa per accudire i figli, sono tutte cose che credo debbano essere prese in considerazione. C'e' anche la disponibilità di Anci e di tutti i comuni nel fare un ragionamento in questa direzione e credo che ci siano due settimane durante le quali sicuramente si dovrà arrivare a una risposta''.

Per il resto la Regione non lascerà nulla di intentato per sostenere gli abitanti. Compresa la volontà di avanzare una richiesta danni di 20 miliardi alla Cina. ''una richiesta avanzata dal consiglio regionale; credo valga la pena di fare un approfondimento per cercare di capire se vi sono delle mancanze da parte della Cina o no''. Quanti ai giorni più bui ''mai temuto di non farcela, ma sono stati giorni angoscianti vedere i letti di rianimazione che drammaticamente si riducevano nonostante i miracoli quotidiani per rimpolparli . E ai lombardi do un voto ottimo, hanno saputo dimostrare grande dignità nel momento delle sofferenze, con un grande rispetto di regole difficili da rispettare in un momento in cui si sono posti limiti alla libertà e credo di poter dire che lo dimostreranno con grande determinazione anche nella ripartenza''.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza