cerca CERCA
Domenica 01 Agosto 2021
Aggiornato: 16:26
Temi caldi

Formigoni furioso in aeroporto, 'Alitalia-Etihad compagnia di disonesti'

20 maggio 2015 | 13.11
LETTURA: 3 minuti

La rabbia dell'ex presidente della Regione Lombardia provocata da un volo perso. La scena è stata filmata da un utente di Facebook, che ha postato il video sul social network. Per l'ex presidente della Regione Lombardia, "il fatto dimostra che Alitalia-Etihad è una compagnia di disonesti, incapaci e incompetenti" e annuncia che presenterà una richiesta per il risarcimento dei danni

alternate text
La sfuriata in aeroporto di Formigoni

Perde il controllo in aeroporto, litiga con i dipendenti, li insulta e alla fine lancia il telefono a terra. Protagonista della sfuriata, provocata da un volo perso, l'ex presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni. La scena è stata filmata da un passeggero e postata su Facebook.

Il fatto dimostra che "Alitalia-Etihad è una compagnia di disonesti, incapaci e incompetenti", sottolinea con forza l'ex presidente della Regione Lombardia. Sentito al telefono dall'Adnkronos, spiega: "Il comportamento indegno di questa compagnia italo-araba è di fatto una violazione contrattuale perché il biglietto altro non è che un contratto, pagato in anticipo dagli utenti. E Alitalia-Etihad ha unilateralmente rotto questo contratto".

Il volo era il Roma-Milano delle ore 22, l'ultimo della giornata: "Alle 21.25 - racconta Formigoni - mi sono presentato al gate indicato sulla carta di imbarco, ma gli addetti mi hanno spiegato che era stato cambiato, mandando me e altre quattro persone che dovevano imbarcarsi sullo stesso volo da tutt'altra parte". All'altro gate stavano imbarcando il Roma-Milano precedente, che riportava circa mezz'ora di ritardo: "Davanti a me c'era un gruppo di 10 persone con donne e bambini. Ho aspettato che imbarcassero tutti, poi ho chiesto la possibilità di essere imbarcato, ma mi hanno detto che quel volo ormai era completo. Così mi sono rivolto al Club Freccia Alata e mi è stato precisato che su quel volo effettivamente c'era posto, ma le procedure per l'imbarco ormai erano chiuse". A quel punto, "mi hanno mandato a un altro gate, ma nel frattempo si sono fatte le 21.57 e ho perso il volo".

Formigoni assicura che la vicenda è destinata ad avere un seguito: "E' chiaro - dice - che io e gli altri passeggeri procederemo con un reclamo per ottenere il risarcimento dei danni". In ogni caso, ribadisce, "questa è stata una prova di inefficienza e di arroganza della compagnia, non certo dei singoli dipendenti". E, conclude: "Chi, come l'utente di Youtube e altri che fanno commenti senza conoscere la realtà, sono complici dei disservizi".

Esempio da NON seguire

Posted by Andrea Spedale on Martedì 19 maggio 2015

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza