cerca CERCA
Mercoledì 17 Agosto 2022
Aggiornato: 12:19
Temi caldi

Francia sotto attacco, lo psichiatra: "Andare oltre la paura"

14 novembre 2015 | 11.20
LETTURA: 4 minuti

alternate text
Football fans talk to a policeman securing an area outside the Stade de France stadium following the friendly football match between France and Germany in Saint-Denis, north of Paris, on November 13, 2015, after a series of gun attacks occurred across Paris as well as explosions outside the national stadium where France was hosting Germany. At least 18 people were killed, with at least 15 people killed at the Bataclan concert hall in central Paris, only around 200 metres from the former offices of Charlie Hebdo which were attacked by jihadists in January. AFP PHOTO / FRANCK FIFE - AFP

Un'altra data "che non dimenticheremo. L'attacco a Parigi è un attacco alla quotidianità, alla normalità. Il messaggio del terrore è che loro possono arrivare ovunque, anche 'in casa'. Ma ora più che mai è importante la risposta che sapremo dare: dal punto di vista emotivo occorre un messaggio forte, deciso e coeso da parte degli Stati e dei leader, per aiutare i cittadini europei ad andare oltre la paura". Ad analizzare con Adnkronos Salute gli effetti psicologici delle testimonianze e delle immagini che arrivano da ieri dalla capitale francese, è il presidente della Società italiana di psichiatria (Sip), Claudio Mencacci, direttore del Dipartimento di neuroscienze dell'ospedale Fatebenefratelli di Milano.

"La reazione a caldo è emotiva: abbiamo paura, siamo disorientati e cerchiamo, anche inconsciamente la vicinanza e il supporto", anche attraverso il contatto con amici e famigliari. "Una reazione normale, certo. Ma da qui a qualche giorno occorre riuscire ad andare oltre la paura: serve uno sforzo collettivo, perché il coraggio dopo un trauma come questo, come l'11 settembre, possiamo trovarlo insieme. E' essenziale - ribadisce lo psichiatra - che il senso di pericolo e di insicurezza che stiamo vivendo non si incardini, attivando una perenne allerta. Il ruolo di chi ci governa è importante: la reazione deve essere ferma e determinata, per aiutarci a ritrovare un senso di protezione e a tornare il prima possibile alla normalità. Ecco, bloccare i voli per Parigi non è, secondo me, la risposta più corretta. Rischia di essere un boomerang, perché alimenta la paura".

E proprio questa emozione strisciante rischia di cambiare per sempre le nostre vite. "Non accettiamo di vivere nella paura. La nostra normalità e quotidianità è stata violata - prosegue Mencacci - ma la risposta deve essere decisa e coesa. Siamo esseri umani e sicuramente in queste ore siamo alle prese con dei cambiamenti nel nostro modo di vivere nel mondo, di viaggiare, di spostarci. Occorrono più controlli, ma dobbiamo metterci nelle condizioni di non essere bloccati dal terrore".

Come spiegare quello che è accaduto ai bambini? "I nostri figli saranno bombardati da una quantità di immagini forti in questi giorni, e percepiranno la tensione e lo stato emotivo dei genitori. E' importante spiegare ai bambini che sono protetti e al sicuro: si tratta di una situazione difficile, che però non li vede coinvolti. Più che mai - conclude - dobbiamo essere sinceri, attenti e rassicuranti". La paura è un sentimento contagioso, ma lo è anche il coraggio.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza