cerca CERCA
Martedì 07 Febbraio 2023
Aggiornato: 23:52
Temi caldi

Su Twitter

Gasparri fa gli auguri a Mogol: "Non chiamatelo paroliere"

17 agosto 2016 | 13.36
LETTURA: 3 minuti

alternate text
Maurizio Gasparri (Fotogramma) - FOTOGRAMMA

Una serie di tweet per omaggiare l'amico che compie 80 anni e per redarguire chi lo definisce "paroliere", perché Mogol è molto di più, "è un grande autore". Così Maurizio Gasparri ha voluto rendere omaggio in occasione dell'ottantesimo compleanno a Giulio Rapetti, in arte Mogol, al quale lo lega un duraturo rapporto d'amicizia.

"Quel gran genio dei mio amico Mogol", ha scritto il vicepresidente del Senato su Twitter. Poi è intervenuto perché un tweet di auguri di un programma Rai cambiasse la definizione di 'paroliere' in 'autore'.

E ancora, ha bacchettato un follower che aveva scritto che la metà dei successi di Mogol erano di Lucio Battisti. "Valutazione errata - ha scritto Gasparri - #Mogol ha scritto per tanti cantanti e musicisti, prima, durante e dopo l'epopea del grande Battisti".

"Un uomo libero per un canto libero. Un protagonista e un difensore della cultura popolare. Il poeta che accompagna la vita di tante generazioni italiane", ha dichiarato poi il senatore di Forza Italia. "Giulio Mogol, quel gran genio del mio amico, oggi compie ottant'anni ma è il più giovane, il più entusiasta, il più ricco di idee di tutti gli italiani. Auguri Giulio e grazie per i tuoi pensieri, le tue parole, che fanno parte della vita di un popolo intero. L'Italia ti stima, ti vuole bene e ti è grata", ha aggiunto Gasparri.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza