cerca CERCA
Mercoledì 10 Agosto 2022
Aggiornato: 15:40
Temi caldi

Generali, Caltagirone recede al patto con Del Vecchio e Fondazione Crt

28 gennaio 2022 | 21.43
LETTURA: 2 minuti

alternate text

Le società del gruppo Caltagirone aderenti al Patto parasociale sottoscritto il 10 settembre 2021 con Delfin avente a oggetto azioni ordinarie di Assicurazioni Generali e al quale ha successivo aderito Fondazione Cassa di Risparmio di Torino rendono noto "che nella giornata di ieri le medesime hanno comunicato alle altre parti il recesso unilaterale e con effetto immediato dal Patto". E' quanto sottolineano le società del gruppo Caltagirone annunciando in una lettera il recesso unilaterale e con effetto immediato del Patto con Del Vecchio e la Fondazione Crt.

Le società del gruppo Caltagirone, ossia le Società gruppo C, "ritengono ormai superata la funzione cui il Patto era preordinato. Conseguentemente le società gruppo C intendono sciogliersi dagli impegni, ancorché di sola consultazione, previsti dal Patto in vista del prossimo appuntamento assembleare così da perseguire le proprie strategie e prescegliere le proprie politiche di voto e di esercizio delle prerogative di azionista in modo aperto nel confronto con il mercato e la generalità degli investitori. Ciò anche nell'ottica di evitare di alimentare ricostruzioni tante fantasiose quanto infondate circa i contenuti degli impegni reciproci che erano stati convenuti".

Le società del gruppo Caltagirone "hanno maturato la decisione di presentare una propria lista per il rinnovo del Cda di Assicurazioni Generali, sebbene non sia stata ancora assunta una univoca determinazione circa la promozione di una lista cosiddetta 'lunga' oppure 'corta'", sottolineano le società del gruppo Caltagirone.

"Non è mai emersa, da parte della compagnia, alcuna effettiva disponibilità al confronto rispetto alla finalità condivisa dai pattisti. Si pensi alla circostanza che la volontà di confermare l'attuale Ceo è stata resa nota prima e a prescindere da alcuna adeguata interlocuzione e per di più prima dell'approvazione della procedura, assai censurabile nei contenuti per la presentazione di una lita del Consiglio, scelta che non è sorretta da alcuna giustificata motivazione", sottolineano ancora le società del gruppo Caltagirone aggiungendo: "si pensi, ancora, alla circostanza che, ad onta delle molte riserve espresse in seno al Consiglio e dal mercato, Assicurazioni Generali, nel mentre - sottolineano le società in una lettera indirizzata a Delfin e alla Fondazione Cassa di Risparmio di Torino - ha proseguito le iniziative volte alla presentazione di una lista del Consiglio, ha presentato un nuovo piano industriale che si colloca nel solco della gestione sino a ora portata avanti e ritenuta del tutto insoddisfacente dalle società gruppo C, e comunque, che ignora le istanze di cambiamento condivise dagli aderenti al Patto parasociale".

Ciò nonostante, spiegano le società del gruppo Caltagirone, "già successivamente alla sottoscrizione del Patto, sono state, e continuano a essere, diffuse dalla stampa illazioni di ogni tipo circa diversi e ulteriori obiettivi che i paciscenti avrebbero inteso perseguire. Narrazioni evidentemente aliene dalla realtà, e che tuttavia contribuiscono a alterare la percezione in merito alle reali, documentate e univoche finalità del Patto".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza