cerca CERCA
Venerdì 22 Gennaio 2021
Aggiornato: 00:35

Hong Kong, chi insulta inno Cina rischia fino a 3 anni di carcere

04 giugno 2020 | 12.01
LETTURA: 1 minuti

Approvata la legge a tutela della 'Marcia dei volontari'

alternate text
Foto Fotogramma
Hong Kong, 4 giu. (Adnkronos)

A Hong Kong è legge il controverso 'National Anthem Bill'. Nel giorno del 31esimo anniversario dei fatti di piazza Tiananmen e dopo settimane di alta tensione, il LegCo, il mini-parlamento dell'ex colonia britannica, ha approvato a larga maggioranza la legge per far rispettare anche qui l'inno nazionale cinese, la 'Marcia dei Volontari'.

I voti a favore, scrive il South China Morning Post, sono stati 41. Solo uno contrario. Tutto dopo la protesta del deputato Eddie Chu Hoi-dick che ha diffuso nell'aula un liquido maleodorante imponendo lo stop al dibattito. La presidente dell'House Committe, Starry Lee Wai-king, lo ha espulso dall'aula insieme al deputato Raymond Chan Chi-chuen. I due sono stati portati via dalla sicurezza.

Con l'approvazione della legge, chi sarà ritenuto colpevole di "abusi" o "insulti" all'inno cinese rischia una multa fino a 50.000 dollari di Hong Kong, l'equivalente di 5.760 euro, e tre anni di carcere.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza