cerca CERCA
Martedì 27 Settembre 2022
Aggiornato: 00:07
Temi caldi

Imprese: Infojobs, 71% affronta cambiamenti per più competitività

17 novembre 2016 | 11.01
LETTURA: 4 minuti

alternate text

In un momento in cui il mondo del lavoro evolve sempre più rapidamente, il cambiamento aziendale non viene più percepito come una minaccia, ma come espressione della capacità dell’azienda di essere protagonista nel mercato e di saper creare nuove opportunità per i dipendenti. Ma le aziende, evolvendo, devono fondarsi su un’identità organizzativa e dei valori condivisi da tutti. Queste alcune delle principali evidenze emerse dalla Survey InfoJobs sul lavoro 2016, presentata oggi a Milano in occasione del Forum delle Risorse Umane 2016 dal titolo “Hr transformation: soft skills, valori e reputazione aziendale per il cambiamento efficace”.

L’indagine, condotta su un campione di 26.168 candidati e 260 aziende, ha evidenziato come il processo di trasformazione interna, affrontato dal 71,3% delle aziende intervistate, sia visto come un’occasione per approcciare in modo proattivo le sfide del mercato. Inoltre, per il 67% delle aziende e per il 51% dei candidati rappresenta la capacità di adattarsi allo scenario del settore lavorativo in continua evoluzione, un passaggio necessario per incrementare la competitività aziendale e non subire i fattori di cambiamento esterni.

“La Survey InfoJobs sul lavoro 2016 ha messo in evidenza come le aziende debbano sottoporsi a continui processi di cambiamento per rispondere proattivamente alle sfide del mercato. Le soft skills e i valori aziendali svolgono un ruolo fondamentale in questi processi perché permettono alle aziende di attrarre i migliori talenti e vincere la concorrenza -commenta Giuseppe Bruno, General Manager di InfoJobs.-In questo quadro, la funzione Risorse Umane riveste il compito di sceneggiatore del cambiamento e di promotore dei valori aziendali.”

La Survey InfoJobs sul lavoro 2016 ha indagato anche quali siano gli strumenti per spiegare e monitorare il processo di cambiamento, affinché sia efficace. Da una parte, rivestono sempre più importanza i nuovi tool che la digitalizzazione mette a disposizione, quali canali social aziendali e chat (23,1% delle aziende e 21,2% dei candidati ne sono interessati).

Dall’altra, i candidati preferiscono essere informati e ascoltati attivamente sul processo di cambiamento durante le riunioni interne periodiche (74,2% dei candidati), primo strumento anche per l’84% delle aziende, mentre non interessano tanto le giornate di team building, in cui invece le aziende investono e credono molto (43,5% dei rispondenti). Questa evidenza è confermata dall’accordo tra aziende e candidati sull’importanza di coinvolgere tutti i livelli aziendali nel processo di trasformazione (94,2% delle aziende rispondenti e 84,9% dei candidati).

Infine, InfoJobs ha chiesto chi debba essere lo sceneggiatore del cambiamento interno. Non sorprende scoprire che per il 48,5% delle aziende e per il 40,2% dei candidati, le Risorse Umane devono seguire tutte le fasi del processo di cambiamento e verificarne l’effettiva riuscita in tutti i livelli aziendali. In particolare per il 23,9% delle aziende, le HR hanno un ruolo determinante quali principali promotori del cambiamento e sono fondamentali nel mostrare nella pratica le caratteristiche della nuova organizzazione. Per essere efficace, il cambiamento deve necessariamente diventare parte della routine aziendale attraverso comportamenti condivisi da tutti.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza