cerca CERCA
Domenica 25 Settembre 2022
Aggiornato: 12:59
Temi caldi

Libri: Aie, in 2014 in Italia persi circa 820mila lettori (-3,4%)

09 febbraio 2015 | 14.05
LETTURA: 3 minuti

Rispetto al 2013, la percentuale dei lettori è scesa dal 43 al 41,4%. Le donne sono più virtuose rispetto agli uomini ma i dati dell'Aie evidenziano come siano in calo anche le lettrici. I più assidui sono i giovani e, a livello geografico, il Nord legge più del Sud. "Quasi il 60% degli italiani non legge neanche un libro all'anno", commenta il presidente di Aie-Associazione italiana editori, Marco Polillo.

alternate text

Non si arresta il calo dei lettori in Italia. Nel 2014 sono uscite dal mercato della lettura quasi 820mila persone, con un saldo negativo del -3,4 per cento. Rispetto al 2013, la percentuale dei lettori è scesa dal 43 al 41,4 per cento. A diffondere i dati è l'Aie, l'Associazione italiana editori, in occasione della presentazione dell'iniziativa #ioleggoperché, che intende promuovere il valore della lettura.

Lo studio, realizzato su dati Istat sulla popolazione sopra i 6 anni, escludendo i libri scolastici, evidenzia che in termini assoluti la lettura riguarda circa 23,8 milioni di italiani (il 41,1% legge almeno un libro all'anno).

Nel 2014, le donne sono risultate le più virtuose, con il 48% delle lettrici contro il 34,5% degli uomini, anche se nel 2014 sono calate dell'11,8% rispetto all'anno precedente. I lettori più assidui sono i giovani: leggono almeno un libro l'anno il 53,5% dei ragazzi tra gli 11 e i 14 anni, il 51,1%o di quelli tra i 15 e i 17 anni e il 51,7% dei 18-19enni. Mentre sono calati del 6,6% i lettori deboli, cioè coloro che leggono tra 1 e 3 libri l'anno.

A livello geografico, il Nord legge più del Sud anche se nel 2014 si registrano cali soprattutto nel nord-est (-4,2%) e nel nord-ovest (-3,6%). "Quasi il 60% degli italiani non legge neanche un libro all'anno - commenta il presidente di Aie-Associazione italiana editori, Marco Polillo -. Ciò significa che davanti a noi abbiamo una platea sterminata di persone da convincere del fatto che leggere non è una cosa faticosa come i più ritengono, ma è importante, divertente e utile e va coltivata con passione".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza