cerca CERCA
Sabato 25 Settembre 2021
Aggiornato: 14:52
Temi caldi

Moda: è settore femminile tra imprenditori under 35

23 settembre 2014 | 10.12
LETTURA: 3 minuti

Un’elaborazione della Camera di commercio di Milano sui dati del registro delle imprese.

alternate text

La moda è un settore prevalentemente femminile tra i giovani, sei titolari su dieci. Più di duemila gli under 35 lombardi, tra donne e uomini, che hanno creato un’impresa nel settore della moda. Di questi quasi la metà hanno un negozio di abbigliamento o una boutique, uno su tre crea e produce vestiti. Circa trecento sono nella pelletteria, tra produzione e vendita. Emerge da un’elaborazione della Camera di commercio di Milano sui dati del registro delle imprese.

Circa 30 i giovani che creano gioielli e 80 quelli che li vendono in negozio. Boutique e negozi di scarpe i settori più femminili, circa sette titolari su dieci sono donne e ci sono più donne anche nella fabbricazione. Prevalgono i giovani maschi solo nella fabbricazione di articoli in pelle e gioielleria. Oltre 5mila sono i posti di lavoro in Lombardia creati dai giovani imprenditori, in prevalenza nella produzione che ne offre più di 2mila. Sempre donne le maggiori datrici di lavoro, offrono 2736 posti.

I giovani nella moda scelgono Milano, Brescia e Bergamo. Prima Milano con 789 imprese giovanili (di cui 412 donne), poi Brescia con 323 (di cui 213 donne), Bergamo con 224 (142 donne), Varese con 150 (76 donne) e Mantova con 142 (78). A prevalenza femminile, circa sette imprese su dieci, Brescia, Como, Cremona e Lecco. Quasi parità tra titolari maschi e femmine a Milano, Monza e Varese.

"In uno scenario internazionale -spiega Erica Corti, membro di giunta della Camera di commercio di Milano- dove la competitività gioca un ruolo chiave l’eccellenza della moda va sostenuta e difesa con iniziative in grado di favorire la crescita dei talenti emergenti, l’attrazione di risorse dall’estero e di aumentare la visibilità del nostro territorio in termini di immagine".

"In particolare, l’attenzione ai giovani stilisti e alla loro formazione -avverte- anche con le iniziative di oggi, rappresenta un importante investimento per il successo e il futuro di questo comparto di strategica importanza per l’economia del territorio. Le iniziative realizzate creano indotto -fa notare Erica Corti- per il sistema economico milanese, anche in termini di ricadute positive per il comparto del turismo e per l’imprenditoria diffusa del territorio".

"Per questo, la Camera di commercio di Milano -ricorda- è accanto alla Camera nazionale della moda in particolare in questo momento di presentazioni dedicate ai giovani, significativo per la città e per le imprese del settore".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza