cerca CERCA
Venerdì 22 Ottobre 2021
Aggiornato: 03:48
Temi caldi

Rifiuti: Ecolamp, raccolte oltre 900 ton di lampadine esauste

05 agosto 2016 | 16.06
LETTURA: 3 minuti

alternate text

Un totale di 961.179 kg di lampadine esauste raccolte e avviate a corretto trattamento, grazie ai conferimenti di privati e professionisti dell’illuminazione. Sono i dati del Consorzio Ecolamp relativi al primo semestre del 2016, che 'premiano' proprio i cittadini: la porzione più rilevante (56%) delle lampadine esauste gestite, infatti, proviene dagli oltre 1.800 Centri di Raccolta serviti dal consorzio e prevalentemente riservati al conferimento dei privati cittadini.

Si tratta di un’inversione di tendenza rispetto al passato, con i conferimenti domestici ai Centri di Raccolta comunali (56%) in sorpasso rispetto ai rifiuti provenienti dai servizi volontari di Ecolamp (44%), messi a disposizione dei professionisti, primi fra tutti gli installatori elettrici. Complessivamente il canale volontario alimentato da tre principali servizi di raccolta (Extralamp, Waste-in e Collection Point), ha fatto registrare oltre 420 tonnellate di sorgenti luminose avviate a trattamento nel primo semestre 2016.

Le regioni più attente al riciclo e province virtuose

Sono Lombardia, Veneto e Piemonte i campioni della raccolta di lampadine esauste, rispettivamente al primo, secondo e terzo posto del podio. Le tre grandi regioni del Nord coprono, secondo i dati Ecolamp, quasi il 50% del totale raccolto in Italia durante i primi sei mesi di quest’anno. La Lombardia ha raggiunto nel primo semestre 249 tonnellate, contribuendo per il 26% alla raccolta nazionale del Consorzio, seguita dal Veneto con 127 tonnellate (13,3%) e dal Piemonte con 92 tonnellate (9,6%) di sorgenti luminose avviate a riciclo.

Il podio provinciale della raccolta Ecolamp rimane invariato rispetto alla classifica degli ultimi tre anni: la prima posizione è della provincia di Milano con oltre 66 tonnellate, pari a circa il 7% della raccolta totale registrata nel primo semestre. Segue Roma che ha raccolto 61 tonnellate di lampadine esauste (6,4% del dato nazionale). Al terzo posto Torino con una raccolta di 50 tonnellate, pari al 5,3% della raccolta di sorgenti luminose esauste, durante i primi sei mesi del 2016.

vetro, metallo e plastica i materiali recuperati

Ecolamp rende inoltre disponibili i dati di recupero e smaltimento di materie, ottenute dal trattamento delle sorgenti luminose esauste nel corso dell’intero 2015. Lo scorso anno il consorzio ha registrato materie prime seconde recuperate, pari al 93,5% del rifiuto avviato a trattamento, in particolare: il 70% in vetro, il 10,5% in metalli e il 5,5% in plastica.

Sono state inoltre separate poco meno di 60 tonnellate di polveri fluorescenti, contenenti mercurio, pari al 2,8% del rifiuto, contro un 3,6% dell’anno precedente.

Si tratta di risultati importanti sotto molteplici punti di vista: se da un lato questo ha consentito che non venissero dispersi inquinati dannosi per l’ambiente e la salute umana, dall’altra, in un’ottica di Economia Circolare, il dato evidenzia quanta parte di questi rifiuti possa rientrare nel ciclo produttivo, senza la necessità di utilizzare nuove materie prime.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza