cerca CERCA
Venerdì 05 Marzo 2021
Aggiornato: 01:32
Temi caldi

Lavoro, sindacati europei: donne pagate 800 euro in meno di uomini per stessa mansione

18 gennaio 2021 | 14.08
LETTURA: 3 minuti

"Un pregiudizio radicato sul valore dei lavori prevalentemente svolti da donne alla base della bassa retribuzione di mln di lavoratrici", dice la Ces

alternate text
Bruxelles, 18 gen. (Labitalia)

Non accenna a diminuire il gap salariale tra uomo e donna. Questa volta la conferma viene da una rilevazione della Ces, la Confederazione europea dei sindacati che fa sapere come "le donne che svolgono lavori che richiedono gli stessi livelli di competenze, istruzione e sforzo fisico dei lavori svolti dagli uomini sono ancora pagate meno nonostante oltre 45 anni di legislazione dell'Ue sulla parità di retribuzione". "Un confronto dei salari nel settore manifatturiero ha rilevato che le donne che producono elettrodomestici sono pagate molto meno degli uomini che producono automobili, anche se entrambi i lavori richiedono le stesse competenze. In Germania, le donne nel settore degli elettrodomestici che svolgono lavori manifatturieri di pari valore agli uomini nell'industria automobilistica sono pagate in media 865 € al mese in meno (lordo). In Romania, le donne che lavorano nel settore degli elettrodomestici guadagnano in media 244 euro in meno al mese (netto) rispetto agli uomini nell'industria automobilistica", spiega una nota della Ces. Gli esempi - forniti dall'affiliata della Ces, industriAll Europe, sindacato dei metalmeccanici - evidenziano come un pregiudizio radicato sul valore dei lavori prevalentemente svolti dalle donne continui ad essere la causa principale della bassa retribuzione per milioni di lavoratrici, comprese le addette alle pulizie e le assistenti in prima linea contro il Covid.

La Ces e industriAll Europe chiedono le "misure vincolanti sulla trasparenza della retribuzione di genere" promesse da Ursula von der Leyen per consentire ai lavoratori e ai sindacati di accedere alle informazioni per decidere i giusti livelli salariali e per aiutarli a negoziare la parità di retribuzione tra uomo e donna per un lavoro di pari valore."In tal modo, -spiega la nota Ces- l'Ue seguirà le orme del governo della Nuova Zelanda che a novembre ha approvato un emendamento all'Equal Pay Act del Paese che garantisce che i salari per le donne siano "determinati in riferimento a ciò che gli uomini sarebbero pagati per fare lo stesso lavoro e con lo stesso grado di capacità, responsabilità, condizioni e gradi di impegno".

Clausole simili sono state incluse in un modello di direttiva recentemente pubblicato dalla Ces per fornire ispirazione alla Commissione europea su come raggiungere questo obiettivo. Judith Kirton-Darling, vice segretaria generale di IndustriAll Europe, ha dichiarato: “È inaccettabile che le donne che svolgono lavori simili nei nostri settori rispetto ai loro colleghi maschi siano pagate di meno. Le lavoratrici in tutta Europa, indipendentemente dal loro settore di lavoro, non dovrebbero più aspettare per la trasparenza salariale e una retribuzione equa".

"Molti lavoratori della produzione in tutta Europa hanno continuato a lavorare in condizioni di blocco poiché il loro lavoro è stato definito" lavoro essenziale. Hanno mantenuto il flusso delle merci e molte aziende hanno adattato la produzione per colmare le lacune urgentemente necessarie nei beni medici e di altro tipo. Dobbiamo sia agli uomini che alle donne lavoratrici che venga riconosciuto il pieno valore del loro lavoro", ha aggiunto Kirton-Darling. Per Esther Lynch, vicesegretaria generale della Confederazione europea dei sindacati, “il confronto della retribuzione di donne e uomini nel settore manifatturiero mostra chiaramente come le donne siano pagate meno anche quando il loro lavoro richiede gli stessi livelli di abilità e sforzo fisico di quelli degli uomini".

“La crisi Covid ha anche messo in luce il radicato pregiudizio dietro i salari per le professioni dominate dalle donne, con badanti e addetti alle pulizie riconosciuti come 'essenziali' nonostante siano tra i meno pagati", ha detto Lynch. "Abbiamo bisogno che la Commissione europea mantenga la promessa di una direttiva sulla trasparenza salariale per garantire che uomini e donne ricevano finalmente la stessa retribuzione per un lavoro di pari valore", ha concluso Lynch.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza