cerca CERCA
Venerdì 02 Dicembre 2022
Aggiornato: 10:25
Temi caldi

"Legge è vittoria per tante vittime come me"

26 aprile 2019 | 13.23
LETTURA: 2 minuti

E' quanto dice all'Adnkronos Franco Birolo, tabaccaio di Civé di Correzzola Padova. Sette anni fa sparò e uccise il ragazzo moldavo che aveva tentato un furto nel suo negozio.

alternate text
Immagine di repertorio (Fotogramma)

di Sara Di Sciullo

"La promulgazione di questa legge è la vittoria di tante vittime. Io mi sono prodigato, come tanti altri, perché si arrivasse a questa modifica. Non ne beneficerò, ma la nuova legge sarà di aiuto a chi dovesse trovarsi nella mia stessa situazione". E' quanto dice all'Adnkronos Franco Birolo, il tabaccaio di Civé di Correzzola Padova, che sparò e uccise un ragazzo moldavo che aveva tentato un furto nel suo negozio il 26 aprile 2012, sottolineando che la firma della legge sulla legittima difesa da parte del presidente della Repubblica Sergio Mattarella arriva esattamente "a sette anni da quanto accadde a me e dunque ricorderò ancora di più questo giorno". Riguardo ai rilievi del presidente della Repubblica, Birolo sottolinea: "Ci sta ed è giusto che Mattarella dica la sua. Questa legge non toglie la discrezionalità ai magistrati - osserva Birolo - riduce l'ampio margine che c'era prima".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza