cerca CERCA
Mercoledì 23 Giugno 2021
Aggiornato: 20:06
Temi caldi

Manager paperoni, ecco chi è al top

26 febbraio 2019 | 14.39
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(Fotogramma)

Sono numerosi i Paperoni tra i manager che lavorano in enti pubblici o in alcune aziende partecipate dallo Stato. I loro 740, custoditi dalla Presidenza del Consiglio, rivelano redditi record, come si evince dalla tabella pubblicata da 'La Repubblica'. Si tratta dei redditi 2018, 'anno d'imposta 2017', da cui emerge che sono diversi i manager milionari, quelli cioè che superano il tetto del milione di euro.

In vetta alla classifica c'è Stefano Ambrosini, presidente Finpiemonte, con 3 milioni 991mila 686 euro. Nelle altre posizioni si trovano, tra gli altri, Claudio Tesauro, presidente dell'agenzia pubblica Invitalia che dichiara 2 milioni 721mila 922 euro, e Marco Arato, ex presidente dell'Aeroporto di Genova, a quota 1 milione 841mila 190 euro. Poi Giovanni Malagò, presidente del Coni, con 1 milione 52mila 855 euro, e Giovanni De Gennaro, ex capo della polizia e attuale presidente di Leonardo, che dichiara 1 milione 20mila 476 euro, con Gioia Maria Ghezzi, ex presidente di Ferrovie dello Stato, con 1 milione 20mila e 370 euro.

Sotto la soglia del milione di euro ma sopra quella degli 800mila Maria Patrizia Grieco (presidente dell'Enel), l'ex sottosegretario Massimo Tononi, ora presidente della Cassa Depositi e Prestiti, e Giovanni Giol, presidente del Conservatorio di Venezia. Tra i più noti, al 12esimo posto troviamo Ignazio Visco, governatore della Banca d'Italia, con 743mila 952 euro, e al 17esimo Giuseppe Vegas, ex presidente Consob, con 569mila 474 euro.

Per legge i manager di altissimo grado devono depositare la loro dichiarazione dei redditi presso la Presidenza del Consiglio proprio perché hanno lavorato (o tuttora lavorano) in enti pubblici, in aziende partecipate dallo Stato per oltre il 20 per cento, in enti anche privati la cui gestione è sostenuta dallo Stato per oltre il 50 per cento. Le cariche che entrano nel radar della Presidenza del Consiglio sono scritte nella legge 441 del 1982 e i criteri lasciano comunque fuori aziende importanti.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza