cerca CERCA
Domenica 23 Gennaio 2022
Aggiornato: 18:46
Temi caldi

Fitness: chi corre maratone è più sexy e più fertile

09 aprile 2015 | 15.09
LETTURA: 3 minuti

Lo hanno stabilito i ricercatori della Cambridge University. I migliori corridori sono stati esposti nel grembo materno ad un livello elevato di testosterone e questo ha inciso nel corso dello sviluppo, conferendo una maggiore predisposizione alla corsa

alternate text

Correre le maratone può far diventare gli uomini delle 'macchine del sesso'. Aumentando il loro potere di seduzione sulle donne, ma anche il desiderio sessuale e il numero di spermatozoi. Sono le conclusione a cui arrivano diversi studi che hanno analizzato come gli s port di resistenza, come la corsa su lunghe distanze, possono incrementare alcuni fattori e incidere positivamente sulle capacità attrattivo dell'uomo-maratoneta sulla donna.

I ricercatori della Cambridge University - riporta il 'Daily Mail' - hanno stabilito che i migliori corridori sono stati esposti nel grembo materno ad un livello elevato di testosterone e questo ha inciso nel corso dello sviluppo, conferendo una maggiore predisposizione alla corsa. Ma non solo, questi uomini hanno anche una migliore efficienza cardiovascolare. E, particolare importante, il dito anulare più lungo. Il segno - secondo lo studio - dell'esposizione fetale al testosterone.

Secondo l'antropologo Danny Longman, autore della ricerca: "La capacità di resistenza dell'uomo allo sforzo è da sempre collegata al potenziale riproduttivo. Fin dai primordi dell'umanità le donne che vivevano con gli uomini cacciatori e raccoglitori osservavano l'abilità dei maschi, e se questi erano è più veloci e più bravi avevano maggiori chance di essere scelti come compagni per la riproduzione". Lo stesso sembra accadere oggi con i maratoneti.

Lo studio ha analizzato 542 corridori che nel 2013 hanno partecipato alla mezza maratonata di Nottingham. A questi atleti i ricercatori hanno fatto una fotocopia delle mani e preso il tempo di percorrenza della gara. Ebbene, il 10% degli uomini con le dita più lunghe e vigorose era, in media, 24 minuti e 33 secondi più veloce rispetto al 10% dei coetanei con le dita meno pronunciate.

La correlazione è stata trovata anche nelle donne, ma è molto più pronunciata negli uomini. In conclusione "per un uomo avere un anulare lungo è sinonimo di maggior fascino, estroversione e capacità di seduzione. E, ovviamente, anche di una maggiore abilità nella maratona".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza