cerca CERCA
Venerdì 14 Maggio 2021
Aggiornato: 00:10
Temi caldi

Metalmeccanici, Federmeccanica-sindacati al lavoro su salario, per ora distanze

02 febbraio 2021 | 19.26
LETTURA: 2 minuti

alternate text

Nuova proposta di Federmeccanica sul salario al tavolo di confronto per il rinnovo del contratto con Fim Fiom Uilm ripreso oggi con l'intento dichiarato di chiudere la trattativa a stretto giro di posta: le aziende hanno aperto ad un aumento di salario a 3 cifre come chiesto dai sindacati ma hanno rivendicato l'allugamento di 1 anno, al 2024 dunque, della vigenza contrattuale. Una controfferta che la Uilm di Rocco Palombella ha però bocciato come "insufficiente" al termine del lunghissimo round di oggi, giocato quasi tutta in ristretta tra la delegazione di imprenditori ed i segretari generali di Fim e Fiom Roberto Benaglia e Francesca Re David.

"Il confronto ha fatto passi avanti per quanto riguarda alcuni punti importanti della piattaforma, come salute e sicurezza, formazione e parità di genere. Per quanto riguarda invece la parte economica Federmeccanica e Assistal hanno formulato un'ipotesi migliorativa rispetto alla proposta del 26 novembre inserendo però un elemento negativo che rende la trattativa ancora difficile”, dice Palombella spiegando come appunto Federmeccanica e Assistal abbiano "confermato la volontà di raggiungere la famosa terza cifra allargando però la vigenza contrattuale al 2024, perché considera gli anni 2020 e 2021 terribili dal punto di vista industriale".

Emergono quindi, aggiunge senza entrare nel merito della proposta, "ancora distanze marcate da colmare”. Il confronto invece avrebbe fatto "passi avanti" su altri capitoli, dalla salute alla sicurezza, dalla formazione alla parità di genere. "Per ribaltare questo clima di paura e incertezza bisogna avere coraggio, abbiamo tutti la responsabilità di assicurare un contratto dignitoso a 1 milione e 400mila lavoratori metalmeccanici", conclude Palombella.

Nessun commento invece dai leader di Fim e Fiom anche se poco prima dell'inizio dell'avvio della 3 giorni di negoziato Francesca Re David aveva 'caricato' i suoi delegati: "Entriamo in una non stop per il contratto dei metalmeccanici da cui usciremo o con un accordo o con la necessita’ di andarcelo a conquistare. Siamo pronti a discutere aspramente con Federmeccanica e in delegazione per cercare le soluzioni", aveva detto. Soluzioni che non prevedono, per la Fiom, nessun ok ad un contratto "che non superi le tre cifre sui minimi", come aveva ripetuto Re David ancora ieri. Domani il negoziato proseguirà: "vedremo come riprendere il confronto sul salario”, dice ancora Palombella. La previsione degli 'ottimisti' è che si possa chiudere giovedì.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza