cerca CERCA
Domenica 22 Maggio 2022
Aggiornato: 22:36
Temi caldi

Milano, Corriere della Sera 'adotta' una guglia del Duomo

15 aprile 2014 | 21.01
LETTURA: 3 minuti

alternate text

Il Corriere della Sera adotta una delle 135 guglie del Duomo di Milano, sostenendo l'iniziativa 'Adotta una guglia', la campagna di raccolta fondi lanciata dalla Veneranda Fabbrica del Duomo nel 2012, a supporto degli interventi di restauro in corso sul monumento simbolo della città. Si tratta del gugliotto di nord-ovest, alla base della guglia maggiore, progettato dall'architetto Giuseppe Vandoni nel 1862, sulla cui cima si trova la statua dell'arcangelo Gabriele, patrono delle telecomunicazioni.

Alla cerimonia di inaugurazione della targa della guglia adottata, tenutasi questa mattina sulle terrazze del Duomo, hanno partecipato i vertici della Veneranda Fabbrica, il presidente Angelo Caloia, e quelli del Corriere della Sera e della sua Fondazione, con il direttore Ferruccio De Bortoli. La campagna 'Adotta una guglia' ha raccolto finora 4 milioni di euro, di cui circa 300mila provenienti da piccole donazioni, ma le spese per completare i lavori previsti in vista di Expo 2015 ammontano a circa 13 milioni di euro in totale.

Un aiuto , secondo il presidente della Veneranda Fabbrica, Angelo Caloia, potrebbe arrivare dall'esposizione universale del 2015: "Ho chiesto a Giuseppe Sala, Commissario unico delegato del Governo per Expo2015 e a Expo -sottolinea Caloia- che i Paesi partecipanti all'esposizione possano contribuire al restauro del Duomo, sostenendo come grandi donatori 'Adotta una guglia' e incidendo cosi' il proprio nome nel marmo della cattedrale. La terrazza del Duomo diventeranno così lo scrigno di Expo, testimonianza viva e indelebile nel tempo di questo grande evento". (

Si sarebbe già fatta avanti la Svizzera e "speriamo -prosegue il presidente della Veneranda Fabbrica- che ne arrivino altri". Caloia esprime anche l'auspicio che "si risvegli la sensibilità del Governo di fronte al bilancio un po' claudicante della Fabbrica".

Un ringraziamento va infine, da parte del presidente della Veneranda Fabbrica, al "Corriere della Sera che è il soggetto che, più di ogni altro, ha creduto a questa iniziativa, consapevole che ogni intervento dei Grandi Cantieri della Cattedrale restituisce bellezza ed energia a Milano. Ringrazio, a nome del Consiglio d'amministrazione della Veneranda Fabbrica, il Corriere della Sera, il suo direttore Ferruccio De Bortoli e la Fondazione Corriere della Sera presieduta da Piergaetano Marchetti per il loro prezioso sostegno".

Per De Bortoli, quello di adottare una guglia del Duomo "è un privilegio che ci viene concesso al termine di questa campagna di comunicazione, che continuerà anche cercando di avvicinare sempre più il Duomo ai milanesi".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza