cerca CERCA
Giovedì 28 Ottobre 2021
Aggiornato: 05:24
Temi caldi

Milano, fidanzato spaccia bicarbonato per cocaina: stuprata per ritorsione

14 gennaio 2016 | 09.07
LETTURA: 2 minuti

alternate text
Immagine di repertorio (Fotogramma) - FOTOGRAMMA

I carabinieri del Comando Provinciale di Milano hanno arrestato un 24enne, originario di El Salvador, che nel settembre scorso aveva violentato una 29enne milanese, minacciandola con una pistola, per ritorsione nei confronti del suo fidanzato.

La vittima, dopo alcune ore dal fatto, si era presentata dai carabinieri per raccontare la sua disavventura, precisando di essere stata rapinata del cellulare e di altri effetti personali.

Le indagini svolte dai carabinieri del capoluogo lombardo, hanno consentito l'identificazione del violentatore che è risultato anche appartenere alla gang latina denominata “MS13”. Il 24enne, senza fissa dimora, è stato rintracciato a Pero (Milano).

Dalle indagini dei carabinieri è emerso che la vicenda si è sviluppata nel mondo della tossicodipendenza. La vittima, che all’epoca dei fatti frequentava un piccolo spacciatore, è stata violentata come atto di ritorsione, poiché il suo fidanzato aveva truffato l’autore dello stupro, spacciandogli del bicarbonato al posto della cocaina.

L’arrestato, resosi conto dell’inganno, aveva convocato lo spacciatore e dopo averlo fatto scendere dall’auto, a bordo della quale c'era anche la fidanzata, si era allontanato da solo con la donna costringendola, con una pistola, a un rapporto sessuale.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza