cerca CERCA
Martedì 19 Ottobre 2021
Aggiornato: 14:34
Temi caldi

Rifiuti: 350mila kg di alluminio raccolti nel 2014 a Roma /Focus

15 maggio 2015 | 17.32
LETTURA: 3 minuti

A Roma 350mila kg raccolti nel 2014. Per il presidente del Cial "un dato estremamente importante, attraverso il riciclo di quel materiale si possono produrre 35mila ri-ciclette"

alternate text

Lattine per bevande e scatolette per gli alimenti, vaschette e cialde. L'alluminio ha mille volti, tutti differenziabili e riciclabili. "I contenitori in alluminio, dalle lattine alle bombolette, dalle scatolette passando per il foglio di alluminio e il coperchio dello yogurt, vanno schiacciati per ridurre il loro volume e posizionati nei contenitori della differenziata", spiega all'Adnkronos Gino Schiona, direttore generale Cial, il Consorzio Imballaggi Alluminio.

Puliti o sporchi, a differenza della carta, non fa differenza, l'importante è che "gli imballaggi siano svuotati prima del conferimento, cosa che aiuta la fase di selezione e la fase di riciclo successiva". Prima della fusione definitiva, i contenitori infatti vengono pre-fusi per una pulizia generale.

Ma come procede la raccolta del materiale nella Capitale? "Le performance sono buone e la raccolta sta crescendo in funzione dell'avanzamento del nuovo sistema di raccolta che prevede il posizionamento dell'alluminio nel contenitore giallo, il multimateriale leggero. La stima parla di 350mila kg raccolti lo scorso anno, dato estremamente importante: basta pensare che attraverso il riciclo di quel materiale si possono produrre 35mila ri-ciclette ".

Cinque le raccomandazioni della Cial per una differenziata fatta bene. Le lattine per bevande sono l’imballaggio in alluminio più conosciuto e usato, ma vanno raccolte anche scatolette e vaschette per il cibo, bombolette aerosol, tubetti, tappi e chiusure, ed anche il foglio d’alluminio. Gli imballaggi in alluminio non vanno sciacquati, basta rimuovere i residui di cibo. L’alluminio non si raccoglie mai da solo, ma sempre con altri materiali: plastica o vetro, a seconda di come il Comune sceglie di organizzare la raccolta differenziata.

La carta stagnola è alluminio al 100% e va riciclata, come ad esempio quello del rotolo da cucina o gli involucri del cioccolato. Gli imballaggi metallici, oltre che in alluminio, possono essere in acciaio (come ad esempio alcune scatolette per il cibo, i barattoli o le bombolette aerosol). Una differenza che, ai fini della raccolta fatta dal cittadino, però, non è importante, visto che alluminio e acciaio si raccolgono sempre insieme.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza