cerca CERCA
Mercoledì 25 Maggio 2022
Aggiornato: 17:51
Temi caldi

Paolo Rossi, il ricordo degli azzurri dell’82

10 dicembre 2020 | 09.23
LETTURA: 4 minuti

alternate text
(Fotogramma)

Da Dino Zoff a Giancarlo Antognoni, da Beppe Dossena a Pietro Vierchowod. Gli azzurri campioni del Mondo nel 1982 piangono Paolo Rossi, da tutti conosciuto come Pablito, scomparso nella notte a 64 anni. "E' una notizia tragica, inaspettata, lui non parlava assolutamente mai della sua malattia. E una grossa perdita, era un ragazzo intelligente e simpatico", le parole di Zoff all'Adnkronos. "Abbiamo vissuti tanti momenti assieme, si parla dei Mondiali ma noi eravamo assieme anche prima, c'è sempre stato un rapporto da fratelli, io ovviamente ero il maggiore, di lui porterò sempre con me il ricordo della sua grande simpatia", conclude l'ex portiere campione del mondo a Spagna '82.

"E' stato un grande giocatore del Mondiale '82 e soprattutto era una persona molto sensibile, una brava persona. Ci siamo visti nella Nazionale master, era anche molto a modo, era un bravo 'ragazzo' anche se aveva 64 anni. Il 2020 è stato un anno veramente infausto, nato male e finito peggio", dice Pietro Vierchowod all'Adnkronos. "Rossi l'ho visto dagli esordi fino a quando ha smesso, era un centravanti atipico, si vedeva poco durante la partita ma in area di rigore come arrivava il pallone faceva gol. Giocatori con queste caratteristiche di 'rapina' non ce ne sono, lui aveva la capacità di capire prima dove arrivava la palla anche dopo un rimbalzo o una carambola. E' una grande perdita per il calcio mondiale. Avevo letto che non stava bene ma non pensavo che potesse lasciarci così presto", aggiunge l'ex difensore.

"Un altro pezzo di storia del mio amato calcio se ne va. Grande Paolo con te ho vissuto in Nazionale gli anni piu' belli. Ti voglio bene. R.I.P", scrive su Facebook il club manager della Fiorentina Giancarlo Antognoni, compagno di squadra di Pablito in Nazionale.

"Alla notizia mi mancava l'aria e il fiato e sono dovuto uscire di casa", dice Beppe Dossena all'Adnkronos. "Ho avuto anche un rapporto particolare con lui, nel 1982-83 abbiamo fatto una campagna pubblicitaria insieme, avevano un ristorante insieme, abbiamo passato le vacanze insieme a Ibiza e a Forte del Marmi, siamo stati a casa di Miguel Bosè, sono tanti i ricordi", ricorda.

"Oggi sono sul mare e cerco di ricordarmi dei piccoli frammenti, è veramente brutto perché se c'era un uomo che amava la vita era Paolo, io non ho questa fortuna e questa capacità di farlo, era sempre sereno, sorridente, era una persona incredibile. Queste sono cose che non si vorrebbero mai sentire. Sono pezzi di vita che se ne vanno, al di là del Mondiale. Ho vissuto con lui anche esperienze fuori dl campo, con le famiglie", prosegue l'ex centrocampista azzurro.

"Ieri mi hanno detto a Genova che non stava bene, ma non pensavo così, devo dire che abbiamo la nostra chat e lui appariva poco, ma ho pensato che fosse un po' di sofferenza, ma invece si vede che era un brutto compagno di viaggio. E' brutto e triste. Io oggi mi sto godendo questa camminata e questo panorama ripensando a tutti i momenti che abbiamo passato insieme, sono dovuto uscire di casa perché alla notizia mi mancava l'aria, il fiato, ora mi sto un po' rasserenando ma è durissima", conclude Dossena.

"Ci hai portato sul tetto del mondo Maledetto 2020. Ciao Amico Mio RIP", così Bruno Conti su Instagram. L'ex ala della Roma e della Nazionale azzurra campione del mondo nel 1982 ha postato anche una foto in bianco e nero dell'esultanza dei due in Nazionale.

"E' una giornata molto triste, per me è stato un fulmine a ciel sereno, sapevo che aveva qualche problema ma non che fosse così grave. E' stata una mazzata, non volevo crederci. Il ricordo professionale che rimarrà indelebile nel mio cuore è il primo gol nella finale contro la Germania al Mundial 1982 che arrivò da un mio cross", dice Claudio Gentile. "Paolo era un ragazzo eccezionale, intelligente e molto attento, non si è mai montato la testa. In campo poi era uno che si faceva sentire", conclude l'ex difensore che con Rossi ha alzato la coppa del mondo al cielo nella notte del Bernabeu.

"Quando questa notte Federica", la moglie di Paolo Rossi, "ci ha mandato il messaggio" è stato un momento che "ricorderò per tutta la vita, perché è un dolore che mi ha preso al cuore. Come faccio a dimenticarlo, se sono campione del mondo lo devo a lui, lo devo alla sua scaltrezza, la sua intelligenza, il suo senso di appartenenza al gruppo", dice Fulvio Collovati, ai microfoni di Rai Sport. "Era un ragazzo semplice, di una semplicità sorridente, disponibile con tutti. Voglio ricordarlo così, con le notti insonni del Mundial, con le sue goliardate. Ancora non riesco a crederci".

"E' una giornata davvero triste, Paolo era un uomo solare, una persona spiritosa, divertente, sempre pronto alla battuta. Abbiamo condiviso momenti storici, clamorosi, come la vittoria del Mondiale: senza i suoi gol non saremmo mai arrivati a quel traguardo. Ricordo che Paolo arrivò al Mondiale dopo un'inattività di quasi due anni, avevamo fatto una preparazione dura a livello atletico e lui non giocò bene le prime tre partite con la Nazionale", il ricordo di Ciccio Graziani a ReteSport.

"Grande tristezza!! Hai realizzato il sogno di tutti gli italiani e sarai sempre nei nostri cuori, le leggende non muoiono mai. Ciao Paolo RIP", così su Twitter Franco Baresi, leggenda del Milan.

"Tu per sempre con me, fratelli si diventa. Riposa in pace". Così in un post su Instagram che li ritrae insieme, abbracciati, con la maglia azzurra, Antonio Cabrini ha ricordato il compagno di squadra e della nazionale.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza