cerca CERCA
Domenica 19 Settembre 2021
Aggiornato: 00:09
Temi caldi

Pensioni, Camusso: "Allarme Boeri? Si rischia messaggio di sfiducia per giovani"

20 aprile 2016 | 15.22
LETTURA: 2 minuti

alternate text

L'allarme lanciato ieri da Tito Boeri, presidente dell'Inps, sulla possibilità che i giovani nati nel 1980 possano andare in pensione molto più tardi, fino a 75 anni, "è irragionevole, rischia di sembrare un annuncio e non una criticità da affrontare". Lo ha affermato il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, a margine dell'assemblea dei lavoratori con disabilità al centro della giornata sulla carta dei diritti del lavoro della Cgil. "Rischia inoltre di passare un messaggio pericoloso di sfiducia ai giovani -ha continuato Camusso - con molti che reagiscono dicendo allora non pago più i contributi".

"Noi abbiamo aperto la vertenza sulle pensioni proprio per evitare questa situazione - ha proseguito il leader di Cgil - questo è un sistema ingiusto che scarica la disoccupazione sulle spalle dei singoli e si basa sull'aspettativa di vita".

"Vedere ogni singolo aspetto come un costo impedisce una riforma complessiva del sistema che preveda investimenti che non sono costi. Bisogna ricostruire il sistema per i giovani, superare la differenza tra tutelati e non", conclude Camusso.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza